Alfred Kelly, CEO Visa: c’è il Futuro nelle Cripto

Lettura 3 minuti


L’amministratore delegato Visa, Chairman/CEO Visa Inc, Alfred Kelly, di recente si è avventurato in un’analisi sulle prospettive di Bitcoin e della crittografia applicata ai trasferimenti di valore.

Kelly: Il mondo dei pagamenti sta evolvendo

Senza dubbio Bitcoin ha avuto un anno incredibile, a occhio e croce è stata una delle poche risorse , se non l’unica, rimasta solida per tutto il 2020. Il futuro allora non punta necessariamente su contanti, assegni e altri metodi di pagamento convenzionali una volta che il Coronavirus sarà passato a miglior vita. Kelly in realtà ritiene che il Pianeta proseguirà il suo cammino verso i pagamenti digitali e che Bitcoin e le Altcoin avranno molta più considerazione, crescita e adozione.

In un’intervista, ha spiegato:

Il campo di battaglia è sempre fuori del mercato locale, ogni giorno. Operiamo in 230 paesi e territori e vogliamo ottenere il maggior numero di transazioni possibile… Siamo un network e cerchiamo sempre più di diventare il network dei network

Ha fatto anche notare che molte nuove aziende spuntano da tutte le parti. Queste imprese sono concepite per fungere da intermediari tra le società di pagamento e i clienti, e sono pensate per garantire che i pagamenti digitali possano aver luogo nel modo più semplice possibile. Una di queste è Plaid, attualmente utilizzata da circa 11.000 imprese finanziarie e da quasi 3.000 sviluppatori fintech. La società lavora sul trasferimento dei dati e lo fa in tandem con Visa, specializzata a sua volta nei trasferimenti di denaro.

Kelly ha commentato in merito:

Plaid è a livello base, un’altra rete che crediamo si adatti al desiderio di avere più reti su cui muovere informazioni e denaro in tutto il mondo

Plaid non è l’unica azienda progettata per operare in questo settore e in questa maniera. La Finicity ha infatti catturato l’attenzione dell’acerrima concorrente Visa, Mastercard; i dirigenti del colosso delle carte di credito hanno infatti espresso l’intenzione di acquistare l’impresa per circa 1 miliardo di dollari all’inizio del nuovo anno.

Le modalità di pagamento più innovative

Spiega Lex Sokolin, esperto fintech e co-responsabile globale presso ConsenSys:

Come mezzo di pagamento, un’azienda deve collegarsi ad ogni mercato e luogo di commercio disponibile. Poiché i beni digitali (in tutte le loro forme) sono considerati più seriamente dai governi come legittimi e un vero e proprio strumento economico, diventa quindi strategico per una rete di carte di credito collegarsi ad essa… Molto del lavoro svolto in quest’ambito negli ultimi due anni si sta consolidando per creare una nuova rete mainstream… Aziende come PayPal stanno supportando gli acquisti con Bitcoin, e Square sta usando BTC come riserva di conto. L’OCC sostiene inoltre che le banche americane possono custodire valore crittografato

La cosa interessante è che circa due anni fa Kelly aveva detto che l’unico modo in cui Visa poteva essere coinvolta nel mondo delle criptovalute e se queste avessero assunto la forma di riserva di valore. Il mercato ha risposto poi, perché il 2020 va a concludersi come l’anno in cui Bitcoin si è veramente affermato come tale, il che ha permesso alla regina delle cripto di salire a livelli con pochi precedenti, nonostante le dure condizioni economiche in cui ha dovuto navigare.

Di Vincenzo Augello