Allerta Coronavirus: borse crollano, Bitcoin bene rifugio come Oro e Treasury

Lettura 2 minuti

Il valore di Bitcoin si muove a ridosso dei 9.000$, mentre il bilancio delle vittime per il coronavirus sale di ora in ora, decretando la fase di risk off seguita dall’aumento di prezzo della criptovaluta. Bitcoin è tornato a scambiare al rialzo. In scrittura di questo articolo la cripto registra un incremento del 7,8% nelle ultime 72 ore, a causa della diffusione del coronavirus che ha spinto gli operatori a tagliare le attività finanziarie a più alta esposizione di rischio, come le azioni. Le perdite sui mercati asiatici sono state consistenti, attorno il 2%; il Nikkei ha chiuso stamane con un drawdown dello 0,55%. I timori dell’epidemia contagiano anche l’Europa ed i mercati del vecchio continente hanno registrato una perdita complessiva di oltre il 2,3%.

Ciò nonostante, sebbene Bitcoin sia considerato un investimento rischioso, ancora una volta si sta comportando come l’oro e la paura di una pandemia globale sembra aver riacceso l’attenzione sull’ “oro digitale”. Al momento, la capitalizzazione di mercato di Bitcoin ammonta a circa 164($) miliardi, pari a poco più del 66% del mercato totale. Bitcoin tuttavia non è l’unica valuta crittografata a restituire un trend positivo. Altcoin come Bitcoin Cash, Bitcoin SV, EOS e Cardano segnano incrementi di quotazione di almeno il 7%.

Bitcoin e Oro correlati diretti

La rapida impennata del valore di Bitcoin è stata affiancata dalla chiusura delle posizioni long sulle azioni e dall’apertura in acquisto di quelle su oro, titoli del Tesoro USA (Treasury) e di altre attività a bassa esposizione di rischio.

Il prezzo del metallo giallo è aumentato significativamente e viaggia attorno i 1.433€ l’oncia. L’asset sembra infatti di nuovo pronto a ritoccare il massimo a sette anni fissato a 1.386€ l’oncia. Quest’anno è la seconda volta che viene registrata una correlazione positiva a 60 giorni di Bitcoin con l’oro, aspetto sottolineato anche da Bloomberg. I sostenitori di Bitcoin dichiarano da tempo che la criptovaluta più famosa è una forma di  bene rifugio che permette la conservazione dei patrimoni a fronte di rischi economici come la recessione o le calamità naturali. Bitcoin in effetti si sta dimostrando un valido contenitore di valore e mostra sempre di più una reattività simile a quella del metallo prezioso. (Di Vincenzo Augello).