Analisi tecnica Bitcoin ($) 07.01.2022

Lettura 2 minuti


PREVISIONE

Nel giorno in cui la tradizione cristiana celebra Dio nelle carni di un uomo, Bitcoin è sceso a 43.083 dollari a fronte di una flessione dello 0,81% rispetto alla chiusura della sessione precedente.

Seguitano dunque i ribassi della criptovaluta più popolare al mondo, peraltro innescati dalla rottura short della media mobile istituzionale a 200 giornate, in stesura attorno quota 48 mila dollari per unità di moneta.   

La configurazione grafica è quindi peggiorata e gli strumenti di analisi quantitativa denotano il rafforzamento della pressione ribassista e i venditori in controllo.

Dal punto di vista tecnico il forte ipervenduto potrebbe rallentare la liquidazione, tuttavia per assistere ad una prima reazione da parte dei compratori sarà necessario un nuovo ciclo di riaccumulo e il recupero dell’area dei prezzi compresa tra 46 e 48 mila dollari.

In basso, invece, il breakdown del supporto di breve termine individuato a 41.800 ($) potrà accelerare il calo dei prezzi dell’asset virtuale, con un primo obiettivo a 38.850 ($) ed un secondo target verso il sostegno fibo calcolato a 32.440 dollari per un bitcoin.

D’altro canto sul re delle cripto pesa la speculazione finanziaria corrente dei “titoli” di opzione e la distribuzione delle volatilità implicite sui singoli strike per il mese di gennaio 2022 come mostrato in figura.

Skew negativo di volatilità implicita,fonte CME Group

In effetti, l’asimmetria spiega che la volatilità delle CALL OTM (con strike alti) è inferiore a quella delle PUT OTM (con strike bassi), il che traccia uno skew negativo, fino a presumere il vantaggio statistico di chi sta vendendo.

S3S2S1PIVOTR1R2R3
32.43738.84942.81049.22355.63559.59666.008
BTC/USD DAILY FIBO PIVOT

Di Vincenzo Augello

(riproduzione riservata)


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.