Analisi tecnica EURUSD 17.01.2022

Lettura 2 minuti


PREVISIONE

Nella giornata del weekend il cambio Euro/Dollaro (EUR/USD) ha subito una veloce flessione ed ha terminato la seduta del 14 gennaio a 1,1410, pari ad una discesa dello 0,38% rispetto alla chiusura del giorno prima.

Ciò nonostante, e nel complesso, dopo la fine di una duratura fase di contrazione e di basso range all’interno degli estremi  1,1265 e 1,1380, il rapporto di cambio più liquido del mercato forex restituisce segnali confortanti, peraltro supportati da riposizionamenti dell’arena speculativa dei future CME nei confronti della moneta del vecchio continente.

Pertanto, l’assenza di falso segnale rialzista sopra quota 1,1423 sarebbe in grado di fornire un nuovo allungo con un primo obiettivo verso la struttura grafica resistiva in area 1,1520/1,1530 ed un secondo e più ambizioso target che specifiche fibo stimano a quota 1,1635.

In basso, invece, soltanto il breakdown dell’estremo inferiore di consolidazione tracciato a 1,1265 potrebbe invalidare i recenti progressi, innescare il ritorno dei venditori e una nuova svendita con outlook negativo a 1,12.     

Cot index oscillator (indicatore proprietario) 11.01.2022 updated

Decisiva dunque la tenuta di quest’ultimo sostegno che, combinata con i dati grafitati dell’oscillatore proprietario (cot index oscillator), basato sui future UE e che richiama la formula dello stocastico, pur non segnalando massimi o minimi significativi (extreme position), denota la rottura della linea di tendenza di lungo periodo, setup costruttivo e vantaggio statistico per i compratori di EUR/USD.    

S3S2S1PIVOTR1R2R3
1,11621,12251,12641,13271,13901,14291,1492
EUR/USD DAILY PIVOT

Di Vincenzo Augello

(riproduzione riservata)