Bitcoin fermo fino alle presidenziali USA ?

Lettura 3 minuti


Bitcoin, in fase di scrittura, scambia per circa 10.500 dollari, non è proprio dove vorremmo che fosse, tuttavia il fatto che suppergiù 96 ore fa BTC abbia raggiunto di nuovo gli 11.000 dollari lascia grossomodo inalterate le prospettive di medio e lungo termine, anche se non è riuscito a mantenere lo slancio rialzista.

Bitcoin combatte da tempo

Ci sono molte cose che sembrano influenzare BTC; una di queste è la correlazione con il mercato azionario, che ancora tanti negano. Le azioni stanno subendo un crollo e guarda caso anche Bitcoin sta soffrendo, dunque finché i titoli societari seguiteranno a scendere, il mercato di Bitcoin potrebbe rimanere tendenzialmente short.

C’è poi lo scenario politico attuale. Come ormai tutti sappiamo il 2020 è l’anno delle presidenziali USA. Manca poco più di un mese prima che l’America scelga il suo nuovo presidente per i prossimi quattro anni. Chi ne uscirà vittorioso ? Il candidato democratico Joe Biden o Donald Trump fino al 2024 ? In entrambi i casi l’appuntamento elettorale più importante al mondo sta generando uno stato d’ansia in tutti gli Stati Uniti, e tanti americani non sanno neppure chi votare.

Inoltre, la morte del giudice della Corte Suprema Ruth Bader Ginsburg si aggiunge alle preoccupazioni e all’inquietudine che condizionano i pensieri della gente, soprattutto quelli sull’’economia. Guy Hirsch,  CEO di cryptocurrency exchange presso e-Toro, ha spiegato in una recente intervista:

L’incertezza intorno alle elezioni all’indomani della morte del giudice della Corte Suprema Ruth Bader Ginsburg ha causato il panico nei mercati azionari. Quando gli attivi fiat crollano in picchiata, i trader spesso liquidano le partecipazioni mentre cercano di coprire le passività, portando così Bitcoin a scendere ancora più drasticamente rispetto ad uno qualsiasi dei principali indici azionari degli Stati Uniti

John Todaro,  direttore di ricerca istituzionale presso Trade Block, sembra essere dello stesso parere, anche se ha aggiunto che il continuo calo delle attività standard potrebbe contribuire alla credibilità di Bitcoin e del comparto cripto. Poi specifica che con tutto il rosso che c’è sui listini azionari, gli investitori potrebbero rivolgersi altrove e a Bitcoin come strumento di copertura, tanto che BTC può tornare a crescere nei prossimi mesi.

Dice letteralmente Todaro:

State vedendo un certo panico sui mercati, anche sulle valute digitali. Nonostante questo calo, se l’incertezza continua e i mercati diventano ancora più nervosi per le elezioni negli Stati Uniti, avrebbe senso se Bitcoin dovesse restituire una ripresa, soprattutto se i titoli azionari continuano a registrare cali

Le cose si sistemeranno nei prossimi mesi ?

Joe DiPasquale, CEO presso Bit Bull Capital,  ha affermato che, poichè la correlazione tra azioni e la criptovaluta più capitalizzata è cresciuta, è fiducioso che Bitcoin e le monete digitali raccolgano ciò che serve per affrancarsi dall’orso ed  entrare in territorio rialzista.

Puntualizza infatti :

La correlazione tra BTC e l’S&P 500 è cresciuta notevolmente negli ultimi mesi, il mercato degli asset digitali rimane altamente volatile e in grado di disaccoppiarsi dagli asset tradizionali altrettanto velocemente

Di Vincenzo Augello