Bitcoin sopra i 9.000 ($) sulla News di un Vaccino Anticoronavirus ?

Lettura 2 minuti

L’annuncio di Pfizer di qualche giorno fa, la più grande azienda farmaceutica statunitense operante al mondo nel settore della ricerca e della produzione di farmaci, in base al quale le prime fasi di sviluppo del suo nuovo vaccino contro il Coronavirus hanno dato risultati positivi, sta sostenendo il mercato azionario e anche Bitcoin sta lentamente recuperando il controllo della fascia bassa dei 9.000 dollari.

Bitcoin favorito dalla speranza di un vaccino

Il Coronavirus ha provocato una delle più gravi pandemie globali della storia recente e molti paesi del mondo sono stati colpiti. Regioni dell’Asia, dell’Europa, del Nord America e del Sud America hanno registrato un numero pesante di vittime, mentre i mercati finanziari sono stati devastati dalla diffusione planetaria della malattia.

Per contro, l’oro, che viaggia poco sotto i massimi di nove anni indica che il metallo giallo potrebbe difettare della stabilità propria di un bene rifugio, nonostante il prezioso e in parte anche Bitcoin siano considerati strumenti di copertura verso le crisi economiche e l’inflazione. Se Bitcoin consolida, sembra che l’oro segua il suo esempio, con un range di volatilità simile.

C’è poi chi afferma che il prezzo di Bitcoin sia connesso all’S&P 500, il che significa che se l’S&P 500 sale o scende, Bitcoin farebbe lo stesso. Altri dicono invece che il valore di BTC è condizionato dalle truffe che avvengono all’interno dell’arena delle valute virtuali. A ognuno insomma la sua visione.

BTC è imprevedibile

I movimenti dei prezzi della valuta digitale più capitalizzata in realtà appaiono casuali e temporanei, certo Bitcoin potrebbe aver beneficiato del mercato toro azionario sulla scia della news di un vaccino anticoronavirus, ma lo storico limitato dei prezzi di BTC non può dimostrare che le due attività siano direttamente correlate.  

Di Vincenzo Augello