Brave: l’alternativa etica ai browser più popolari

Lettura 2 minuti

Gran parte di chi lo ha già provato e anche i più scettici, pur non adottando Brave come browser predefinito sul proprio dispositivo, tendono a giudicarlo un interessante esperimento di tecnologia. Il browser basato sulla blockchain di Ethereum è un progetto derivato da Chromium open source, dunque assomiglia molto a Chrome, per cui chi è abituato al navigatore di Google si sentirà a casa con Brave, potendo usare quasi tutte le estensioni in dotazione a Chrome.

Brave però è particolarmente sensibile alla privacy e alla sicurezza su Internet, ed ha un adblock pubblicitario integrato con un blocco del tracker piuttosto aggressivi. Ciò velocizza enormemente il caricamento delle pagine, anche se a volte il “filtraggio” può compromettere la lettura delle pagine dinamiche dei siti che vengono penalizzati negli introiti derivanti da Google Adsense o dalle affiliazioni private.

Speed Test: Brave carica le pagine da 3x a 6x più velocemente rispetto a Chrome e Firefox

Per questo motivo la Start Up americana consente di abbassare le difese del browser se necessario.

Brave a discrezione dell’utente mostra i propri annunci come pop-up di notifica, per i quali si guadagnano BAT (Basic Attention Tokens). La medesima valuta si ottiene semplicemente navigano ma con un tasso di conversione inferiore o attraverso contributi una tantum che l’azienda statunitense invia agli utenti più fedeli. La criptovaluta viene usata per ricompensare i siti ritenuti meritevoli o per pagare l’internauta che può cambiarla in denaro reale, o investirla su Uphold.

Brave ha lanciato anche la versione iOS con funzioni di privacy HTTPS e blocco di script malevoli e tracker. Ha inoltre una pratica funzione di sincronizzazione dei segnalibri che non richiede un account e che permette di trasferire i siti preferiti con un click dal browser originario.

Brave browser fonda la propria economia con un nuova forma di advertising, costruita grazie a sistemi innovativi creati su strutture dati immutabili, mediante un registro digitale le cui informazioni sono concentrate in blocchi concatenati in ordine cronologico e la cui integrità è garantita dall’uso della crittografia: la tecnologia blockchain.

E’ la blockchain di Ethereum infatti che garantisce l’anonimato del fruitore dei servizi pubblicitari che non viene mai tracciato nelle proprie abitudini online. Ecco perché anche chi non giudica significativo Basic Attention Token (BAT), troverà Brave un browser molto veloce che pone una priorità molto alta sulla tutela delle informazioni private e la sicurezza online. (Di Vincenzo Augello).

Download Brave browser