Brave software sarà una grande azienda grazie all’intelligenza artificiale

Lettura 3 minuti

Le quotazioni di Basic Attention Token (BAT) sono state soggette ad un incremento notevole di volatilità nelle ultime giornate, offrendo agli speculatori ghiotte opportunità. BAT lo si può acquistare su exchange come Gate, Yobit, Binance, DDEX, Bitfinex e, ovviamente, tramite la banca USA legata al browser Brave Uphold. Brendan Eich, CEO Brave software, alla domanda sul perché ha realizzato un navigatore internet che compete con Mozilla, ha dichiarato: “Mozilla Firefox non è innovativo quanto lo siamo noi,  perché la sua dipendenza da Google gli lega le mani“.

Brian Bondy, co-fondatore e programmatore per Brave Software, con precedenti attività di sviluppo su Mozilla, Khan Academy e VisionWorks Solutions, dal canto suo ha dichiarato: “Brave come azienda informatica non carpisce i dati degli utenti, quindi non condivide nulla con nessuno. Siamo a tutti gli effetti open source e possiamo essere controllati in qualsiasi momento“.

E poi ha aggiunto: “Se Brave crescerà al ritmo attuale, si evolverà fino a diventare una grande azienda che da piccola impresa si è trasformata in una grande impresa. Brave a quel punto potrebbe essere veramente grande”.

Sul versante tecnico i programmatori del token attualmente stanno lavorando all’ implementazione dell’Interplanetary File System (IPFS), una tecnica software ed un protocollo per reti peer-to-peer che archivia e condivide dati in un file system distribuito a sostegno del decentramento; un metodo che “assicura” la navigazione sul web.  Il team inoltre è in procinto di rilasciare la Brave Virtual Private Network (VPN) e il Software Development Kit (SDK) di fatto molto atteso dalla community.

Basic Attention Token mira alla pubblicità digitale basata su blockchain e molti investitori scaricano Brave per accumulare i tokens. L’attenzione viene calcolata in base agli annunci visualizzati e attraverso il monitoraggio in tempo reale fornito dal browser stesso. Il valore delle visualizzazioni per ogni annuncio è calcolato utilizzando sistemi digitali di apprendimento automatico oltre ad algoritmi locali di machine learning (intelligenza artificiale) in grado di offrire agli internauti notifiche pubblicitarie pertinenti con le loro preferenze. Non vi è dunque alcun intervento umano nel misurare le abitudini dell’utenza, come invece avviene con i cookies. D’altra parte, con gli editori e gli inserzionisti Brave si relaziona per stabilire gli assetti tecnici e comportamentali necessari a valutare l’attenzione dell’utente tutelando la privacy e arginando le frodi online. (Di Vincenzo Augello).

Prova il browser Brave in modo da sostenere il progetto di diffusione di Brave Software Inc.,oppure visita la mia pagina facebook “Brave il migliore browser al mondo” se vuoi sapere di cosa si tratta e scaricarlo dal pulsante USA l’APP. Vedrai che è interessante ed in grado di restituire guadagni mediante la visualizzazione degli annunci pubblicitari.

Download Brave browser