Brave supera 50 milioni di utenti attivi mensili e cresce il doppio per il quinto anno di fila

Lettura 4 minuti


Brave Search: 2,3 miliardi di query annualizzate

Sempre sul pezzo l’azienda informatica americana, tanto che i nuovi prodotti chiave della società del programmatore USA Brendan Eich quest’anno includono Brave Search, Brave Wallet, Brave Talk e, per iOS, Brave Playlist, inoltre le partnership della startup californiana hanno compreso nuove funzionalità e progetti con Solana, Gemini, Binance Smart Chain, IPFS, Unstoppable Domains, bitFlyer, Epic Games, Gala Games e Splinterlands.

Per il quinto anno consecutivo dunque Brave software ha raddoppiato il numero degli utenti attivi mensili, passando da 24 milioni al 31 dicembre 2020, a più di 50 milioni verso la fine del 2021. Il team ha quindi chiuso l’anno passato con oltre 15,5 milioni di utenti attivi giornalieri, anche perché l’utenza di tutto il mondo rimane alla ricerca di un’esperienza di navigazione privata, sicura e veloce, combinata con strumenti che diano loro indipendenza dalle Big Tech.

Brave software, naturalmente, non è sostenuta soltanto dal numero di coloro che condividono questo ecosistema, perché altre metriche l’hanno supportata e resa nota al grande pubblico di Internet, come:  

  • 2,3 miliardi di query annualizzate. Si è passati da 0 a 190 milioni di query al mese in meno di 6 mesi, dall’accesso di fine giugno a dicembre 2021.
  • 1,3 milioni di Editori Verificati, in aumento del 30% quest’anno su YouTube, Twitter, Twitch e siti web.
  • La piattaforma pubblicitaria Brave, grazie alla quale gli utenti guadagnano BAT scegliendo di visualizzare gli annunci pubblicitari a tutela della privacy, si è notevolmente ampliata e le entrate sono cresciute di 4 volte negli ultimi 12 mesi.
  • Sono attualmente oltre 8 milioni gli utenti che guadagnano BAT mediante Brave Rewards.
  • Registrata la maggiore crescita sul mobile rispetto a qualsiasi altro browser su smartphone nel 2021 con oltre 10 milioni di download.
  • Le campagne Brave Ads sono state supportate in quasi 200 paesi con oltre 7,5 miliardi di conferme degli annunci ad oggi. Sono state contate più di  5.000 campagne dall’inizio del progetto, pari a circa 900 inserzionisti che comprendono marchi mainstream come Ford, PayPal, Toyota, Mastercard, Intel, Crocs, BMW, Keurig, American Express, Budweiser, Walmart, Amazon e The Home Depot, così come da giganti della crittografia come Binance, Coinbase, Crypto.com, eToro, Gemini e Solana.
  • Il click-through rate (CTR) medio per una campagna Brave Ads è dell’8%, ben al di sopra della media del settore che sfiora il 2%.
  • Il podcast di Brave Marketer nel 2022 entra nella sua quarta stagione ed ha triplicato i suoi abbonati dal lancio a marzo 2021. Con oltre 55 mila ascoltatori unici. Il podcast si è costantemente classificato nel top ranking e tendenzialmente il 91% degli ascoltatori diventa abbonato. La nuova stagione peraltro si concentrerà sul marketing di criptovalute e ospiti di player popolari come Crypto.com, Solana, NEAR Protocol.

Ha detto nel merito Brendan Eich, CEO e co-fondatore di Brave:

Passare a 50 milioni di utenti è un risultato enorme per la nostra azienda. È anche una potente conferma del movimento globale in corso guidato dagli utenti che cercano alternative all’economia del controllo

Che ha poi aggiunto:

Abbiamo trascorso un anno di successo espandendo la nostra gamma di prodotti e il nostro ecosistema, impegnandoci con partner che condividono la nostra visione per un Web libero dalle catene delle Big Tech. Abbiamo visto una risposta incredibile tra i nostri utenti, creatori di contenuti e comunità. Puntiamo a raddoppiare ancora questa crescita nel 2022 e a coinvolgere ancora più gli utenti alla ricerca consapevole della privacy per navigare sul web, perchè li ricompensi invece di penalizzarli con il tracciamento e li aiuti a sostenere i creatori

E’ pertanto evidente che lo slancio che ha animato ed anima la giovane azienda statunitense ha dato vita ad un 2021 nel quale la startup ha ampliato le capacità, i prodotti e le partnership volte a sostenere tutta la comunità Brave.

Di Vincenzo Augello


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.