Brave Today aggiunge feed RSS per personalizzare i contenuti preferiti

Lettura 2 minuti


Il browser web Brave è attivo su varie piattaforme tra cui macOS, Windows, Linux, iOS e Android e, tra gli elementi che lo distinguono c’è Brave Today, lettore di notizie completamente personalizzabile che preserva la privacy dell’utente. La suddetta implementazione è stata migliorata da Brave Software Inc., in modo tale che gli utenti del primo browser basato su blockchain possono ora aggiungere feed RSS.

In base a quanto dichiarato dalla startup guidata da Brendan Eich, il lettore di news dispone adesso di feed RSS per singolo utente dopo l’aggiornamento dell’app iOS di Brave alla versione 1.24, in approdo presto anche sul browser Brave desktop.

L’update dà agli utenti la possibilità di personalizzare il contenuto del flusso delle informazioni aggiungendo il feed RSS del loro editore, web writer o podcaster preferito. Brave Today è stato lanciato lo scorso dicembre e attualmente offre oltre 300 fonti di contenuti in 16 differenti categorie.

La semplice procedura per aggiungere manualmente i feed RSS

Nelle impostazioni del browser, la funzione Brave Today ha una nuova sezione dichiarata : “Your Sources”. Basta toccare “Add Source” e poi cercare mediante il dominio del sito web oppure aggiungere manualmente l’URL completo del feed conosciuto.

Dopo aver aggiunto il feed, Brave Today recupera il contenuto dalle fonti e lo include nel proprio feed-Brave Today. A disposizione anche un’opzione per aggiungere feed tramite pannello di condivisione che si incontra quando si visita un sito web che comprende il suo feed RSS nel tag autodiscovery della pagina.

Si possono aggiungere fino a 5 feed in Your Sources e presto saranno disponibili opzioni per un numero illimitato di feed. Con l’aggiornamento Brave conferma il ruolo di protezione di tutti i dati in entrata e in uscita e di tutte le attività di navigazione. Il contenuto dei feed RSS è infatti raccolto dalla fonte del feed; l’open source per la navigazione online lo recupera senza mai attingere dai server statunitensi Brave, per cui l’entourage del team di stanza negli Stati Uniti non sa mai nulla dei feed RSS scelti dagli utenti.

Peraltro, l’app Brave per iOS comprende la nuova funzione di condivisione social Brave Stats. Continua dunque lo sforzo degli sviluppatori del browser Brave per migliorare l’esperienza online aggiungendo pratiche ed utili funzioni.

Di Vincenzo Augello