Chain CME EUR/USD – UPDATE: 29.11.2019

Lettura 2 minuti

PREMESSA

A livello mondiale, i mercati più importanti sono quelli statunitensi, in particolare il CME, sul quale sono quotate le opzioni sui future valutari. La tabella illustra nel dettaglio la chain (catena) delle opzioni sul future con sottostante il cross EUR/USD, in grado di condizionare pesantemente il mercato del principale cambio forex. In verde sono cerchiate le opzioni che sostengono al rialzo la quotazione di EUR/USD, mentre in rosso sono cerchiate le opzioni che favoriscono la discesa del cross di riferimento. Questo tipo di sunto considera la componente derivata del rapporto EUR/USD e sarà aggiornata grossomodo ogni settimana o in occasione di importanti variazioni dei volumi dell’open interest di un singolo strike. Attraverso le opzioni è possibile misurare la volatilità implicita intesa come movimento atteso della quotazione sottostante. Essa si basa sui tanti modelli di option pricing che si avvalgono di tutti i fattori noti al trading di opzioni, per questo monitorare la componente derivata del cross EUR/USD è quasi sempre determinante.

Link sulle opzioni nel portale eurobit.space

Gli strike price delle opzioni con elevati open interest e i riflessi sul cambio EUR/USD

AvaOptions per stanare gli squali della finanza mondiale

Inefficienze dei cambi: le opzioni una miniera di informazioni per il trader valutario

La volatilità implicita e il peso delle opzioni sul forex (parte prima)

La volatilità implicita e il peso delle opzioni sul forex (parte seconda)

SCREENING

Opzioni su future EUR/USD

La chain è aggiornata al 29 novembre e conferma open interest significativi sugli strike 1,10, 1,0975 e 1,0950 delle opzioni PUT con scadenza a 4 giorni. Si tratta di titoli tendenzialmente sotto il prezzo di mercato, dunque potenzialmente venduti, a sostegno della valuta domestica del cambio di riferimento. Sul fronte delle opzioni CALLS, un’analisi di più lungo termine, che considera le scadenze fino a 67 giorni, pone in evidenza OI in crescita sugli strike CALLS superiori a 1,11, fattore che lascia presumere una volatilità implicita in aumento sul cross in questione con un conseguente graduale incremento della quotazione spot di EUR/USD. Nello specifico, l’eventuale futura ratifica di posizionamento OUT OF THE MONEY sulle PUT – strike 1,0950 e 1,10 a 32 giorni, interporrebbe una barriera sul rischio di possibili cedimenti del principale mercato forex. E’ consigliata pertanto la consultazione giornaliera delle pubblicazioni relative ai profili di investimento EUR/USD sulla chain delle opzioni CME.  (Di Vincenzo Augello).