Chain CME EUR/USD – UPDATE: 12.07.2021

Lettura 3 minuti


PREMESSA

A livello mondiale, i mercati più importanti sono quelli statunitensi, in particolare il Chicago Mercantile Exchange (CME), sul quale sono quotate le currency option. La tabella illustra nel dettaglio la chain (catena) delle opzioni sul cross EUR/USD, in grado di condizionare pesantemente il mercato del principale cambio forex. In verde sono cerchiate le opzioni che sostengono al rialzo la quotazione di EUR/USD, mentre in rosso sono cerchiate le opzioni che favoriscono la discesa della coppia di riferimento. La sintesi considera la componente derivata del rapporto EUR/USD che sarà aggiornata grossomodo ogni settimana o in occasione di importanti variazioni dei volumi dell’open interest di un singolo strike. Attraverso le opzioni è possibile misurare la volatilità implicita intesa come movimento atteso della quotazione sottostante. Essa si basa sui tanti modelli di option pricing che si avvalgono di tutti i fattori noti al trading in opzioni, per questo monitorare la componente derivata del cross EUR/USD è quasi sempre determinante.

Alcuni link sulle opzioni nel portale eurobit.space

Gli strike price delle opzioni con elevati open interest e i riflessi sul cambio EUR/USD

AvaOptions per stanare gli squali della finanza mondiale

Inefficienze dei cambi: le opzioni una miniera di informazioni per il trader valutario

La volatilità implicita e il peso delle opzioni sul forex (parte prima)

La volatilità implicita e il peso delle opzioni sul forex (parte seconda)

SCREENING

Fonte: Chicago Mercantile Exchange & Chicago Board of Trade (CME Group)

Seguitano ad aumentare i volumi di scambio sulle opzioni Euro/Dollaro (EUR/USD), aspetto che non modifica la visione bearish di questo portale sul mercato valutario di riferimento.

Sale infatti l’open interest complessivo in PUT alle diverse scadenze, il che favorisce le attese di ribasso dei venditori del cambio forex più liquido. Su chain (3 DTE) e scadenza nel prossimo fine settimana decisivi potranno rivelarsi i contratti attorno 1,1875, che potrebbero funzionare da innesco di una più marcata fase short a discapito del pair EUR/USD.

Anche su timeframe più esteso restano massivi i titoli in PUT e le opzioni in CALL out of the money, che non sostengono il vantaggio statistico dei compratori della coppia valutaria sottostante.

Ma fare trading è davvero così facile ? Basta semplicemente applicare al prezzo il setup presunto dalle posizioni derivate in future e/o opzioni, oltre ad una manciata di calcoli matematici per prevedere la direzione del mercato ?

Quello che è certo è che il trader senza la disciplina e l’applicazione costante di una metodologia prima o poi vedrà il conto dilapidato dai competenti partecipanti al mercato finanziario. Per questo motivo è importante sfruttare doti personali di lettura della chain delle opzioni, in quanto quella offerta rimane una singola interpretazione della speculazione EUR/USD in corso.

E’ probabilmente questo il passo più importante che si possa compiere verso il profitto quando si svolge un’attività di trading.   

Di Vincenzo Augello