Changpeng Zhao: sicuri che solo Bitcoin sia il cattivo ?

Lettura 3 minuti


Quando si parla di riciclaggio di denaro sporco e di comportamenti fuorilegge Bitcoin viene risucchiato dall’occhio del ciclone e conferma una cattiva reputazione, ma secondo Changpeng Zhao, CEO Binance, forse il più popolare ed il più importante cripto-exchange al mondo, questo giudizio non sempre é giustificato.

Changpeng Zhao: nomea BTC sotto pressione

In una recente intervista, Zhao ha spiegato che il riciclaggio di denaro sporco è certamente una piaga, tuttavia, pur essendo spesso associato a BTC, la criptovaluta invece non rappresenta un pericolo per la società e non apre una breccia al crimine informatico più di quanto lo possa fare qualsiasi altro strumento finanziario tradizionale.

Egli afferma:

Come fornitori di servizi finanziari, è nostro dovere combattere le attività illecite. Tutti condividono questa responsabilità, ma in genere, una volta stabilite le regole, alcune persone cercheranno di aggirare queste regole, individui che vogliono solo fare più affari o che inconsapevolmente facilitano queste transazioni. Viviamo in un mondo complesso, dove un paese può considerare un atto come criminale e l’altro no. Molti hanno una visione in bianco e nero, ma il mondo è grigio. Non tutte le banche sono innocenti e non tutti gli exchange sono cattivi intermediari

Troppo facile etichettare le banche come solide istituzioni finanziarie per il fatto che sono sul mercato da tanti anni. Molte hanno commesso azioni scellerate a discapito dei clienti. Basta pensare a Deutsche Bank, banca d’investimento globale con un’esposizione in derivati in grado di far tremare la prima economia del vecchio continente o a Wells Fargo, sull’altra sponda dell’oceano atlantico, costretta di recente a pagare una sanzione mostre dopo che è stato scoperto che per anni apriva conti all’insaputa della gente.

Le criptovalute sono associate ad attività criminali soprattutto per colpa di eventi criminosi del calibro di Mt. Gox e Coincheck. Però, quello che non tutti considerano è quanto trasparente sia la blockchain di Bitcoin, e quindi per molti versi, nonostante la brutta reputazione, BTC può essere considerato più sicuro delle istituzioni classiche.

Zhao ha poi aggiunto:

Bitcoin, è una sorta di libro mastro trasparente. Una volta fatte alcune transazioni, è possibile risalire ai fondi fino al luogo in cui le monete sono state estratte, quindi in questo modo, la blockchain fornisce un registro molto trasparente per tutti da analizzare. Se si mettono insieme alcuni punti dati e si fa un’analisi a cluster, non è così difficile per un algoritmo ricavare l’origine di una transazione. Le monete a tutela della privacy sono più difficili da tracciare, ma la market cap non troppo alta, rende più complicate le transazioni più grandi, quindi, ad essere onesti, è molto più facile fare transazioni illecite usando denaro fiat che usando criptovalute

Egli afferma anche che la capitalizzazione delle cripto attualmente relativamente modesta semplifica la tracciabilità delle valute virtuali rispetto al fiat tradizionale o ad altri asset standard.

Di Vincenzo Augello.