Come è nato il trading online ?

Lettura 2 minuti


Nel 1993 la Borsa Italiana accettò le connessioni di SIM negoziatrici anche da altri server e non solo da terminali, in modo da poter archiviare elettronicamente gli eseguiti nel sistema contabile.

Due anni dopo nel 1995 vi fu la comparsa del primo mediatore che offriva una piattaforma di trading online in Italia, Directa Sim. In seguito, nel 1999, la Consob, l’organo di vigilanza delle attività di Borsa, emise il Nuovo Regolamento di attuazione del Testo Unico dei mercati finanziari e ne regolamentò le procedure.

Di lì in poi il numero di trader privati in italia è aumentato in modo esponenziale e la diffusione di Internet ne sostenne la crescita. I trader “domestici” si ritrovarono subito sotto pressione nel 2000 con la bolla delle azioni internet, la più gravosa dopo quella dei tulipani nel 600’ e dopo la Grande Depressione del 1929 che affossò Wall Street.

Gli operatori retail a causa della dot-com bubble si trovarono di fronte a difficoltà davvero importanti, provocate dall’innesco di una volatilità clamorosa, tanto che vi furono trader che guadagnarono patrimoni e molti altri che fallirono rovinosamente a causa delle forti oscillazioni dei prezzi.

Nel 2003 furono attivati i primi servizi di trading online mobile e negli ultimi anni sono stati confezionati i contratti per differenza, noti con l’acronimo di CFD, strumenti derivati che replicano l’andamento di un indice, di un’azione, di una valuta o di una commodity senza possederli concretamente, il che consente al trader di guadagnare dal differenziale delle quotazioni.

Oltre ai CFD si consolidano ed emergono i mercati delle valute e il Forex che, attraverso webinar e corsi organizzati dai broker, accelera lo sviluppo e mette a disposizione dell’utenza di rete call center e software di collegamento alla Borsa di titoli e sottostanti sempre più efficienti e semplici da utilizzare.

Oggigiorno grazie alla finanza a distanza tutti hanno un accesso facilitato alle azioni, alle materie prime, alle valute e alla DeFi, l’ultima avanguardia del fintech applicato al valore, nel tempo sempre più metafisico.

La finanza decentralizzata in effetti sta rivoluzionando i sistemi economici mondiali, mentre secondo un recente rapporto dell’Associazione Bancaria Italiana (ABI), più di 10 milioni di italiani adopera un conto corrente online, vero e proprio stargate verso il Pianeta Trading.    

Di Vincenzo Augello