Compra quando pronto..

Lettura 2 minuti


Con gli indicatori di analisi tecnica riusciamo a rilevare rapidamente le variazioni di volatilità ed il segnale che un ciclo trading range sta per terminare.

E’ l’esame dei prezzi che anche i trader istituzionali con le loro potenti e sofisticate infrastrutture informatiche eseguono, riuscendo ad anticipare queste variazioni.

D’altro canto, sono le dimensioni smisurate dei capitali delle istituzioni che rompono gli equilibri finanziari, mentre i movimenti di asset molto liquidi necessitano delle forze e dell’energia in uso agli investitori professionali.

Tuttavia, le quantità massive di denaro in dotazione a hedge fund, banche d’affari, broker e governi ne limitano al contempo l’operatività, abbassandone i tempi di reazione.

Ecco perché i range di oscillazione delimitati dalla Deviazione Standard, da strumenti come l’ATR (Average True Range), dalle Bande di Bollinger, dalla Regressione Lineare e dalla gran parte degli indicatori che misurano la volatilità realizzata, permettono di individuare in anticipo l’accelerazione di un titolo, di un’azione, di un rapporto di cambio o di un pair cripto.

Come trader individuali, somme di denaro nettamente inferiori consentono invece di entrare ed uscire da una posizione molto più rapidamente di un operatore professionale.

Il punto sta nel riconoscimento del momento migliore, del momentum, che valuta la velocità di un movimento e la probabilità che esso continui verso il confine delimitato dalla volatilità, espressione dello sforzo di una strategia finanziaria di alto livello.   

Nel mitico film Shooter (2007), nella scena iniziale, Bob Lee Swagger usa un fucile di precisione M40xs tactical 7,62 × 51 mm e butta giù un elicottero con armamento ben più pesante, oltre ad un CheyTac M200 nei tiri a un miglio di distanza, ma non fa partire un colpo se non dopo calcoli balistici, che comprendono la velocità del tiro, la resistenza all’aria del proiettile, misure trigonometriche, fino all’incidenza della rotazione terrestre.

L’home trading per fortuna non richiede tutto questo, ma utilizzare ciò che l’analisi matematica dei grafici offre oggi, ci dà l’opportunità di aprire una posizione solo “..quando pronti…”, in modo che saranno più le volte in cui diremo “….preso..!” e molte meno quelle quando brontoleremo ”…mancato..!”      

Di Vincenzo Augello