Cot report UPDATE: 29.06.2021 – Future EURO

Lettura 3 minuti


PREMESSA

Il report rilasciato tutti i venerdì sera dalla C.F.T.C. (Commodity Futures Trading Commission) si basa sulle dichiarazioni settimanali obbligatorie delle posizioni assunte dagli investitori, superiori ad una data soglia; rappresenta quindi un indicatore di sentiment essenziale nel trading di valute. Raramente restituisce segnali fuorvianti. In questo tipo di relazione i LARGE TRADER come le Banche d’Affari e gli Hedge Fund, influenzano direttamente la moneta EURO, per cui se sono maggiormente compratori il cambio tenderà al rialzo e viceversa. I COMMERCIAL invece sono produttori, trasformatori, grossisti e utilizzatori di merci specifiche che usano il future della valuta in copertura degli scambi commerciali. Questi ultimi pertanto sono compratori quando l’EURO è conveniente e venditori qualora la valuta UE mostri degli eccessi.

SCREENING

COT REPORT

POSIZIONI NETTE FUTURES UE: BUYERS meno SELLERS

COMMERCIALLARGE TRADERSMALL TRADER
– 136.602+ 87.146+ 49.456

POSIZIONI NETTE FUTURES USA: BUYERS meno SELLERS

COMMERCIALLARGE TRADERSMALL TRADER
– 4.507– 448+ 4.955
COTINDEX OSCILLATOR

LARGE TRADER EUROLARGE TRADER USDCOMMERCIAL EUROCOMMERCIAL USD
71,9225,0524,2073,66

Nei confronti della settimana precedente la tendenza delle posizioni trend follower EURO future rimane praticamente invariata, per cui le net-position UE lato LARGE TRADER evidenziano solo una lieve flessione e passano a +87.146 trade sulle +89.057 posizioni nette derivate dal Cot report rilasciato il 22.06.2021.

Di riflesso, cede in modica parte anche l’indice proprietario di questo portale, CIO, che ora segna 71,92 punti sui 72,35 della volta passata.

Tendenza CIO dal 25.08.20 al 29.06.2021

Il tutto tende a confermare un apprezzabile alleggerimento dei buyer che operano sulla moneta della zona euro, fino a poter beneficiare la moneta rifugio per eccellenza, USD, nelle prossime giornate.

D’altro canto, l’incremento degli acquisti di copertura degli istituzionali (COMMERCIAL), trascritto martedi 27 e pubblicato nella serata di ieri, pari ad una variazione positiva di +3.741 operazioni long tramite il future UE è indizio di un possibile sviluppo del ribasso in atto sul cambio Euro/Dollaro e del recupero del biglietto verde verso la gran parte delle divise del comparto valutario.

Fonte: Timingcharts.com – EURO FX FUTURE CME 29.06.2021

Di fatto, le relazioni settimanali della Commissione statunitense di Sorveglianza sulle contrattazioni dei future mettono in evidenza una sostanziale inefficienza dei mercati valutari oramai distanti dall’economia reale di paesi e continenti, aspetto che se applicato al trading fornisce uno spettro di opportunità non indifferente.

In effetti, l’analisi tecnica convenzionale, quella di Dow per capirci, è nata molto prima del trading algoritmico e informatizzato, metodo che ha alterato le dinamiche dei mercati e della formazione del prezzo oltre la portata della matematica standard, sulla quale si basano gli indicatori ideati sulle teorie di Charles Henry Dow.

Per questo calcoli e programmi pensati sulla volatilità implicita dei derivati, se ben sviluppati, sfruttano le inefficienze dei mercati attuali, di tutti i mercati, con livelli di accuratezza maggiori di ogni altro strumento di analisi classica.

Di Vincenzo Augello