Dalla Cina l’esodo dei miner in Texas

Lettura 3 minuti


Il Texas è sul punto di diventare un importante snodo transnazionale per il mining di criptovalute, con l’intenzione di trasformarsi in hub nevralgico per l’offerta di coin digitale, tanto che il governatore Greg Abbott bandisce posti di lavoro nelle aziende cripto, iniziativa al centro della campagna di rielezione nello Stato della Stella Solitaria.

Il Texas e il cripto mining… un vero sodalizio ?

L’esodo dei miner asiatici in Texas è iniziato nell’estate dello scorso anno. Nel 2021, infatti, la Cina, che rispetto a tutti i nodi allocati nel mondo ne ospitava oltre il 65 per cento, ad un certo momento ha deciso che il mining doveva considerarsi attività illegale a fronte di rigide normative green e di difesa dell’ambiente.

Senza un posto dove posizionare i computer, la gran parte dei miner di stanza in Cina hanno fatto i bagagli e si sono diretti in Texas, noto per offrire tariffe elettriche a buon mercato.

Il co-fondatore di Geosyn Mining, Caleb Ward, uno dei nuovi miner che di recente hanno avviato un’impresa nella regione statunitense, afferma in un’intervista:

Abbiamo lanciato la nostra prima attività di mining per Bitcoin nel centro di Fort Worth, che sarà una vetrina per la nostra più grande impresa situata proprio fuori città. Stiamo usando il reddito di questa struttura di 20.000 piedi quadrati fuori da Fort Worth per avviare una grande infrastruttura per l’energia solare

Il Texas è dunque indirizzato a diventare una delle capitali mondiali del mining di bitcoin, ma non tutti sembrano dimostrare entusiasmo. Gli ambientalisti sostengono che l’ampio territorio e i vasti spazi che il Texas offre ai miner e ai loro hardware potrebbero danneggiare il pianeta già in difficoltà. Uno di questi difensori dell’ambiente è Frank Pallone, rappresentante democratico del New Jersey che ha dichiarato:

L’anno scorso ci sono state centinaia di migliaia di transazioni su questa rete. Provate a immaginare le implicazioni climatiche

Altri invece sono ottimisti in relazione al fenomeno. Kevin Pan, CEO di Poolin, una delle più grandi aziende per il btc-mining, ha spiegato che la sua azienda ha un nuovo impianto con sede in Texas e che sta valutando tutto quanto possa renderlo il più ecologico possibile:

Il Texas sarà la capitale mondiale del bitcoin nei prossimi due anni. Stiamo costruendo pannelli solari intorno al nostro sito in Texas. Ci sono anche molti mulini a vento intorno alla costa

Magari l’ambiente è già protetto..

Alejandro de la Torre, vice presidente e consulente per l’area mining presso Pooling, ha detto che le implicazioni energetiche legate ai processi di validazione delle transazioni BTC sono esagerate e che sono a disposizione metodi per rendere l’estrazione della valuta sicura per l’ambiente; innovazione peraltro che al contempo consentirà all’economia locale di prosperare, e spiega:

In Texas hanno incentivato iniziative di energia rinnovabile in modo che sia conveniente aggiungere attrezzature eoliche e solari. In questo momento mi sto concentrando sul collegare i miner cinesi alle imprese in Texas. Una delle ragioni principali per cui i miner cinesi sono interessati ad operare in Texas è che credono che sia meno probabile che il governo venga a chiudere le loro operazioni in Texas

Di Vincenzo Augello