E’ Alert, 3.7($) miliardi di opzioni Bitcoin scadono a fine gennaio

Lettura 3 minuti


La fine del mese corrente potrebbe segnare un periodo critico per Bitcoin. L’asset infatti vedrà scadere circa 3,7 miliardi di dollari di opzioni il 29 gennaio e molti analisti si chiedono come reagirà il prezzo della criptovaluta.

Nuovo rally oppure  BTC crollerà

E’ quanto più ci si domanda in queste fredde giornate d’inverno. Allo stato attuale, la mole di contratti d’opzione a regime con sottostante BTC ammonta a poco più di 9 miliardi di dollari, una cifra sontuosa e quasi un terzo di queste verranno liquidate tra circa una settimana.

Uno dei vantaggi dei contratti d’opzione è che permettono a trader e fondi d’investimento di avere un maggiore controllo su ciò che comprano e, cosa più importante, su quanto comprano. Possono impostare i prezzi all’interno di specifici intervalli di tempo e fare soldi scommettendo sulla volatilità che Bitcoin replica.

Questi prodotti sono emersi per la prima volta tre anni fa, nel 2018. Sono stati offerti da un exchange ora piuttosto noto: Deribit, e successivamente l’interesse per i derivati bitcoin è aumentato vertiginosamente. Gli acquisti di opzioni sono cresciuti soprattutto negli ultimi mesi dopo il recente rally BTC e il suo nuovo massimo storico di oltre 41.000 dollari.

Fonte : CriyptoRank

Ciò nonostante, il sentiment rimane positivo e la gran parte degli investitori appare fiduciosa e con una visione bullish. Sono numerose in verità le dichiarazioni di osservatori e analisti secondo cui lo scambio di opzioni Bitcoin ne sostiene il valore a mercato e che il prezzo sia destinato a salire nelle prossime settimane, a fronte di un rapporto Put/Call ratio a 0,50.

Craig Erlam, analista presso Oanda,  ha spiegato quanto segue:

Riflette la volatilità e ciò che Bitcoin è diventato, anche per i suoi stessi standard, negli ultimi due mesi. I movimenti che stiamo vedendo ogni giorno sono incredibili, quindi è naturale che le opzioni siano più utilizzate

D’altro canto, la pandemia da Covid-19 ha fatto in modo che molti trader e investitori vedano Bitcoin sotto una nuova luce e, con l’inflazione alle porte, potrebbe risultare un buon momento per essere compratori della valuta virtuale più capitalizzata.

Eppure, il prezzo della moneta rimane volatile, il che rende le opzioni attraenti vista anche la partecipazione di gestori di patrimoni e istituzioni di peso mondiale come il CME Group di Chicago, in Illinois.

Nicholas Pelecanos, a capo della sezione trading presso NEM, dice:

L’insieme dei fattori legati al trading e ai volumi delle opzioni danno una buona indicazione del numero di smart money che hanno fatto trading di Bitcoin

Le istituzioni pesano enormemente

Seamus Donoghue, vice presidente e responsabile degli affari in valuta digitale presso Metaco è d’accordo ed ha commentato:

L’adozione finalizzata di Bitcoin da parte degli istituzionali dovrebbe guidare verso una continua crescita dei fondi future e opzioni

Di Vincenzo Augello