Elon Musk mette #bitcoin nella sua bio Twitter

Lettura: 3 minuti

Negli ultimi giorni, l’imprenditore sudafricano Elon Musk, CEO Tesla e SpaceX, potrebbe aver fomentato la risalita di Bitcoin oltre il muro dei 34 mila dollari. Musk ha modificato la bio del suo profilo Twitter in “#bitcoin” e poi ha scritto un messaggio, assicurando tutti sul fatto che il rimbalzo di BTC era cosa certa:

guardando al passato, era inevitabile

La cosa curiosa è che mentre le iniziative di Musk sono universalmente apprezzate, “inevitabile” non è proprio il termine che gli analisti adoperano di più. Musk in realtà non ha mai dimostrato una linea di condivisione convinta rispetto a BTC, a volte ha difeso Bitcoin, altre volte ha detto che è “bs come fiat”, in uno dei suoi tweet.

Ha anche affermato altre cose strane, come ad esempio che Bitcoin non era la sua “safe word”; e ad oggi, ancora un sacco di gente pensa cosa diavolo volesse dire. Nelle ultime ore ha pure aggiunto che non gli dispiacerebbe essere pagato in bitcoin, cercando la consulenza del CEO di MicroStrategy, Michael Saylor, su come poter convertire il capitale Tesla in BTC per gli azionisti.

In verità, ci si sarebbe aspettato che Musk cambiasse la sua bio di Twitter in qualcosa come “#dogecoin”, considerando quanto abbia sostenuto questa cripto in passato. Tempo fa disse che Dogecoin era la “moneta migliore”, tanto da indurre i media all’inizio del 2019 a credere che avrebbe ricoperto il ruolo di nuovo amministratore delegato della e-currency.

Tutto questo rumor mediatico però non è mai approdato a nulla di particolare, sebbene gli endorsement a Dogecoin di Musk sono cosa risaputa, anche a fronte del balzo di quasi il 200% che la valuta ha incassato nel weekend.

Il sostegno di Musk a Bitcoin è arrivato dopo che Robinhood, app free-trading, ha annunciato che non avrebbe consentito ai suoi clienti di scambiare azioni GameStop e altre azioni in eccesso di rialzo. Questo ha suscitato le critiche di tanta utenza su Reddit, che sostiene che queste azioni stanno per essere vendute allo scoperto dagli hedge fund di Wall Street.

Tutto da rifare

La situazione ha avuto come conseguenza che molti trader sono tornati sulle cripto, una delle quali era Dogecoin. Ciò nonostante, la sua ultima iniziativa su Twitter ha riscosso un buon successo ed ha raccolto gli elogi di tanti utilizzatori di criptovalute sparsi nel mondo.

L’ex chief technology officer di Coinbase, Balaji Srinivasan, ha commentato sul microblogging californiano:

Bitcoin diventa la bandiera della tecnologia e tutti i servizi web vengono gradualmente rivisti su cripto. Stiamo tornando alle nostre radici: crittografia, privacy, peer-to-peer, diritti dell’individuo, libera espressione e decentralizzazione del potere

Di Vincenzo Augello