I soldi piovuti dall’Helicopter Money finiscono nei cripto-exchange USA

Lettura 3 minuti

Soprattutto tanti americani non utilizzano le misure di sostegno economico contro il COVID-19 solo per mangiare o per vestirsi. Diverse piattaforme di scambio di valuta digitale, Coinbase ad esempio, stanno segnalando acquisti medi per un valore di 1200 dollari nelle ultime settimane, che corrisponde esattamente all’importo massimo che i cittadini USA stanno ricevendo dal governo federale contro la grave crisi economica da Coronavirus.

Gli aiuti economici  sono stati concepiti per dare agli americani un po’ di sollievo dal virus pandemico che ha devastato le economie di gran parte del Globo dall’inizio di marzo. Da allora, diverse aziende hanno serrato i battenti, mentre la disoccupazione è ai massimi livelli. Allo stesso tempo il lockdown ha chiuso la gente nelle case.

Per aiutare i cittadini ad affrontare la mancanza di lavoro e la tensione finanziaria, il governo a stelle e strisce ha firmato un pacchetto di stimolo economico di 2.000 miliardi di dollari che include il pagamento differito di prestiti per le piccole imprese, così come assegni fino a 1.200 dollari per gli americani che guadagnano meno di 75.000 dollari all’anno.

Ebbene, secondo un recente tweet inviato dall’amministratore delegato di Coinbase, Brian Armstrong, la piattaforma ha registrato diversi acquisti e depositi per un valore di 1200 dollari a partire da aprile. Nel complesso, l’exchange ha ottenuto un picco del +0,3% sui depositi, evidenziando che parecchie di queste sovvenzioni sono andate a finire sulle cripto.

Anche Binance USA, forse la più grande e popolare piattaforma di trading digitale al mondo, dice di aver registrato risultati simili.

Un portavoce della società ha recentemente spiegato:

Sembra che la gente abbia depositato esattamente 1.200 dollari in Binance U.S.A. negli ultimi  giorni

La situazione restituisce dunque circostanze per cui le persone non stanno necessariamente comprando cibo o altri beni di prima necessità per difendersi dalla pandemia, ma stanno guardando al futuro con gli investimenti in criptovaluta.

Il welfare USA che ha contribuito con assegni inviati per posta e con depositi diretti nei conti bancari delle persone, a quanto pare, si trasferisce anche sui conti in valuta virtuale che aumentano il numero di risparmiatori digitali.

Accantonare il surplus in criptovaluta è un buon investimento ?  

La cripto-moneta non è esattamente mainstream, pregiudizio e sospetto rimangono. Rispetto alle carte di credito o al contante le criptovalute ricevono un’attenzione inferiore nella scala dei valori  finanziari, eppure tanti soldi del governo USA sono finiti negli exchange; le persone sembrano perdere  fiducia nel denaro standard, adesso cercano un’alternativa e mettono le cripto sotto il “materasso”.

Il punto è che, nonostante la disoccupazione negli Stati Uniti sia a livelli record , molti hanno continuato a lavorare investendo le eccedenze sui mercati virtuali anche a discapito di bollette o altre necessità. Astenendomi da un giudizio morale, in ogni caso, la pandemia sembra aver favorito e in qualche modo rafforzato la legittimità delle criptovalute.

Di Vincenzo Augello