Il Comitato del Congresso per i servizi finanziari USA torna a parlare di Dollaro Digitale

Lettura: 3 minuti

Il Comitato Bancario del Senato degli Stati Uniti è tornato a discutere di Bitcoin, di monete stabili e di un potenziale Dollaro digitale.

Il dollaro digitale torna sul tavolo delle trattative ?

L’idea di un Dollaro digitale è sorta al Senato degli Stati Uniti quando, alla fine di marzo, è stato varato il pacchetto di stimolo da 2,2 trilioni di dollari. Si è pensato che un Dollaro immateriale, che sarebbe potuto essere depositato direttamente sui conti bancari, poteva rappresentare un modo più efficiente per gestire la distribuzione del denaro al posto degli assegni cartacei, in quanto questi arrivando per posta avrebbero potuto provocare una maggiore contaminazione da COVID-19.

Il Dollaro digitale non si è concretizzato allora, ma forse il futuro riserva un percorso dissimulato che deve ancora rivelare. Il presidente del comitato Mike Crapo, senatore repubblicano dello stato dello Utah, ha detto che la diffusione del Coronavirus ha fatto sì che tanti in America si siano affidati a strumenti digitali, il che ha portato il sistema legislativo a riesaminare le modalità in cui si può far circolare valore.

Ciò ha comportato l’introduzione di sistemi sempre più automatizzati per fornire ai cittadini statunitensi quello di cui hanno bisogno per tirare avanti in questa crisi pandemica, che potrà includere le stable-coin. Crapo ha sostenuto che insieme al Comitato si sta cercando di capire tutto il possibile sulle potenzialità delle stable-coin e sulle applicazioni blockchain, e che il governo degli Stati Uniti sta ora cercando di creare una propria moneta digitale della banca centrale c.d. (CBDC).

In una dichiarazione ai suoi colleghi, Crapo ha spiegato:

Le monete stabili, che possono essere emesse da un’istituzione centrale, garantiscono la stabilità dei prezzi avendo il loro valore ancorato a un altro bene, come i depositi delle banche commerciali o le obbligazioni emesse dal governo… E come ho detto nell’ ultima audizione sulla moneta digitale, mi sembra che queste e simili innovazioni siano inevitabili, vantaggiose, e che gli Stati Uniti dovrebbero guidare il loro sviluppo

Anche il senatore democratico Sherrod Brown ha chiarito le sue opinioni durante l’audizione, sebbene Brown abbia assunto un approccio diametralmente opposto. Mentre Crapo ha valorizzato le valute stabili e i valori monetari basati su blockchain, Brown ha fatto riferimento ad asset come Bitcoin ed Ethereum sotto una luce avversa, sostenendo che si tratta semplicemente di asset progettati per l’uso speculativo da parte di “investitori ricchi”.

Brown ha affermato:

Abbiamo sentito tutti i tipi di promesse su come le valute crittografiche come Bitcoin ed Ethereum cambierebbero radicalmente il nostro rapporto con il sistema bancario. I lavoratori sarebbero in grado di trasferire denaro in modo efficiente e a basso costo , di effettuare pagamenti online o di acquistare generi alimentari, il tutto senza un conto corrente bancario, ma non è così. Il Bitcoin è utilizzato principalmente da investitori facoltosi

Di Vincenzo Augello