Il momentum nascosto nel forex trading svelato dai titoli

Lettura 2 minuti


Lo sfruttamento di una tendenza è uno degli obiettivi dell’analisi tecnica classica. Trend is your friend, dicono gli inglesi, per cui il rialzo o il ribasso di un rapporto di cambio è qualcosa di positivo per un trader, per via del momentum che contiene.

Purtroppo, però, i mercati oggigiorno mostrano sempre meno trend e da circa un lustro le tendenze sono diventate merce preziosa, piuttosto rare. Il trading valutario della seconda decade del  XXI secolo è infatti fondamentalmente esplosivo, caratterizzato da impulsi improvvisi generati da momenta che si succedono nel tempo, provocati da incrementi della pressione rialzista dei compratori o da aumenti della pressione ribassista dei venditori, in coincidenza di aree determinate di prezzo.

Dunque, non sempre abbiamo a disposizione tendenze perfettamente visibili, è una conseguenza della guerra valutaria delle banche centrali combattuta ormai da diversi anni e della vocazione di alcuni broker e dei grandi operatori ad alleggerire le tasche dei trader privati.

Tuttavia, un aspetto importante della volatilità implicita, che possiamo misurare attraverso i titoli di una valuta o di un coppia di valute, è che non è necessario che vi sia un trend: future e opzioni in maniera indipendente forniscono effettivamente informazioni di carattere direzionale sul fatto che un recente trading range  si sposterà ad un livello di prezzo diverso.

Pertanto, quando si calcola la volatilità implicita si prova ad individuare l’intenzione delle banche d’affari, delle istituzioni finanziarie e dei governi; in ultima analisi si ha a che fare con le forze fondamentali che determinano il mercato delle valute.

E’ questa la ragione in base alla quale le strategie sul forex costruite mediante i derivati hanno un buon grado di affidabilità, offrendo l’importante opportunità di scoprire il momentum laddove gli altri non riescono a vederlo. In fondo, gli strumenti per farlo sono qui, su questo sito, a portata di mano.     

Di Vincenzo Augello