In Africa BTC e le cripto in soccorso delle piccole attività commerciali

Lettura 3 minuti


Bitcoin e le criptovalute sono al centro dell’attenzione nel continente africano. Ci sono numerose testimonianze in base alle quali le cripto stanno cambiando il modo di fare affari, tanto che in Nigeria non pochi rivenditori di telefonia mobile, ad esempio, hanno realizzato l’impensabile e cominciato a pagare i loro fornitori di smartphone e accessori in bitcoin.

L’Africa attrae chi sostiene Bitcoin

All’inizio potrebbe sembrare una mossa pericolosa per entrambe le parti: fornitore e rivenditore al dettaglio. Da un lato BTC rimane molto volatile, il che significa che c’è sempre il rischio che qualcuno finisca per rimetterci soldi, dall’altro i commercianti all’ingrosso iniziano a rinunciare ai pagamenti standard in moneta fiat e a richiedere criptovalute in cambio di prodotti. Una situazione che sta spiazzando tanti osservatori.

Ciò nonostante non poche attività commerciali di città che si affacciano sul Golfo di Guinea dichiarano che i profitti di recente sono stati enormi, e che sborsare BTC per gli articoli che ricevono sia dalla Cina che dagli Emirati Arabi è stata una delle decisioni più intelligenti che abbiano mai preso. Uno dei grandi vantaggi dell’utilizzo di Bitcoin è che non si ha più bisogno di acquistare dollari usando il naira, valuta nativa della Nigeria. Inoltre, non si devono più pagare commissioni a intermediari o a società finanziarie.

In una testimonianza, un commerciante ha descritto quanto sia migliorata la sua attività:

Bitcoin ha contribuito a proteggere i miei affari dalla svalutazione della valuta locale e mi ha permesso di crescere allo stesso tempo. Non devi pagare le spese e non devi comprare dollari

Negli ultimi anni, l’Africa è diventata un punto  di riferimento per le criptovalute. Jack Dorsey, informatico, imprenditore e filantropo statunitense, CEO di Twitter e Square, ha annunciato che si trasferirà in Africa per un periodo di tre-sei mesi per spiegare i benefici e i vantaggi di Bitcoin verso un maggior numero possibile di persone, anche se al momento non ha ancora detto dove intende soggiornare e quali paesi sta considerando.

Tanto potenziale in Africa

Forse la diffusione della pandemia da Coronavirus fa tentennare Dorsey, tuttavia i mega imprenditori leggono il potenziale del continente africano quando si tratta di diffondere la nozione di cripto nel mondo finanziario.

Una delle ragioni principali per cui Bitcoin si sia ben ambientato in Africa è che è la sede di una miriade di lavoratori migranti, molti dei quali lavorano all’estero e cercano la maniera per mandare denaro alle loro famiglie. Con la corruzione e il fallimento di tutta la politica e le infrastrutture finanziarie, l’inflazione è diventata un problema enorme per le valute nazionali, e l’utilizzo di BTC e di altcoin sta permettendo a questi lavoratori di rinunciare alle complicazioni dei cambi di valuta e di quelle legate alle commissioni che spesso seguono i trasferimenti di moneta.

Di Vincenzo Augello