La combinazione Volume – Open Interest per anticipare i movimenti direzionali

Lettura 3 minuti


Per valutare la forza di un movimento direzionale di medio termine è importante non solo quantificare il numero di contratti future aperti (open interest), ma anche il volume, decisivo per misurare la consistenza/affidabilità di una tendenza.

  • All’interno di un trend rialzista i volumi devono essere elevati, che si riducono invece nelle fasi correttive.
  • All’interno di un trend ribassista i volumi devono essere elevati, per poi contrarsi nelle fasi di recupero/consolidamento o rimbalzo (rebound).

Peraltro i livelli di resistenza e di supporto sono potenziali punti di flesso in cui si registrano importanti picchi di volume che possono concretizzarsi in quote reverse o di inversione del mercato.

VOLUME E O.I. ELEVATI

In linea generale, e con le dovute eccezioni legate all’imprevedibilità di base dei prezzi, Volumi elevati e Open Interest in aumento confermano la solidità della tendenza corrente. Una tendenza primaria rialzista rappresentata da open interest crescente di fatto beneficia della presenza di un’alta pressione in acquisto segnalata da volumi significativi. Al contrario, in una tendenza primaria ribassista i volumi elevati evidenziano un’importante pressione short ed alimentano la discesa del prezzo.

VOLUME SALE E O.I SCENDE

Volumi elevati e Open Interest in diminuzione segnano che gli operatori tendono a chiudere le posizioni di trading ed è probabile che la quotazione approdi ad un top di breve termine (se il trend è bullish) o avvicini un bottom di breve termine (se il trend è bearish).

VOLUME SCENDE E O.I SALE

Volumi bassi e Open Interest in aumento indicano che il mercato di riferimento e il sottostante sono laterali. I volumi diminuiscono, ma i contratti aumentano di quantità, per cui la grande finanza prova ad anticipare un movimento direzionale che può avvenire alla fine di una fase di accumulo (dove i rialzisti sommano contratti long) o al termine di una fase di distribuzione, (dove gli scopertisti preparano copiose posizioni short).

VOLUME E O.I. SCENDONO

Infine, Volumi bassi e Open Interest in diminuzione rappresentano un setup finanziario che esprime massima indecisione da parte degli operatori di mercato: pochi i volumi e pochi i trade attivi. E’ la situazione che in genere si verifica nei cicli di consolidamento e contrazione della volatilità, che generano le premesse per una successiva esplosione di tipo direzionale.

PREZZIVOLUMEOPEN INTERESTLETTURA
TREND RIALZISTAIN AUMENTOIN AUMENTOFORTE RIALZO
TREND RIALZISTAIN DIMINUZIONEIN DIMINUZIONEIL RIALZO SI INDEBOLISCE
TREND RIBASSISTAIN AUMENTOIN AUMENTOFORTE RIBASSO
TREND RIBASSISTAIN DIMINUZIONEIN DIMINUZIONEIL RIBASSO SI INDEBOLISCE
RELAZIONE VOLUME – O.I.

Di Vincenzo Augello