La famiglia Trump infuriata contro TrumpCoin

Lettura 3 minuti


TrumpCoin è la criptovaluta realizzata per celebrare il 45° presidente degli Stati Uniti, moneta digitale che la gente ha comprato, messa in portafoglio e grazie alla quale in molti sono anche riusciti a togliersi qualche venale soddisfazione.

Trump e il suo entourage nutrono ora sentimenti avversi sulla divisa celebrativa e pensano di promuovere azione legale contro gli sviluppatori di TrumpCoin, perché l’asset sfrutterebbe indebitamente il nome della famiglia del tycoon statunitense.

Trump vuole liberarsi della criptovaluta

Con una serie di tweet, Eric Trump, uno dei figli dell’ex presidente americano, ha spiegato di non aver mai sentito parlare prima della e-currency e che lui e la sua famiglia faranno tutto il possibile per censurarla:

Allarme frode! È giunto alla nostra attenzione che qualcuno sta promuovendo una criptovaluta chiamata ‘Trump Coin’. Questo non ha NULLA a che fare con la nostra famiglia. Non autorizziamo l’uso e non siamo in alcun modo affiliati a questo gruppo. Verranno intraprese azioni legali

Ciò che però destabilizza parte degli osservatori è che TrumpCoin è circolata oltre cinque anni, essendo stata lanciata nel febbraio del 2016 dopo che Donald fece il suo ingresso da presidente alla Casa Bianca.

Così tanti amici e familiari nel mondo cripto..

Trump sembra piuttosto coinvolto dalla situazione e, di certo, non è mai stato un fan sfegatato del pianeta cripto. In passato si dichiarò senza preamboli contro Bitcoin e altre forme di valute digitali decentralizzate, pericolosi per il dollaro USA che dice essere valuta sovrana del mondo. Commentava infatti su twitter un paio d’anni fa:

Non sono un fan di Bitcoin e di altre criptovalute che non sono denaro, il cui valore è altamente volatile e basato sul nulla. Le criptovalute non regolamentate possono facilitare il comportamento illegale, compreso il commercio di droga e altre attività illegali… Allo stesso modo, la ‘moneta virtuale’ Libra di Facebook avrà poca reputazione o affidabilità. Se Facebook e altre aziende vogliono diventare una banca, devono cercare una nuova carta bancaria e diventare soggetti a regolamenti bancari, proprio come le altre banche, sia nazionali che internazionali… Abbiamo solo una moneta reale negli Stati Uniti ed è più forte che mai, affidabile e più che affidabile. È di gran lunga la valuta dominante in tutto il mondo e lo sarà sempre. Si chiama dollaro degli Stati Uniti !

Tuttavia, il vecchio inquilino alla White House è spesso accompagnato da persone che hanno ricavato o tendono a ricavare vantaggio dalla volatilità delle monete immateriali. Uno è il genero Jared Kushner che, non troppo tempo fa, si è mosso alla Federal Reserve quando Trump era in carica, per l’emissione di una valuta digitale nazionale, mentre Melania, l’altra figlia di Donald, non taceva la sua euforia per la tecnologia NFT e i token non fungibili.

Di Vincenzo Augello