La Rete, un ponte tra investimenti e opportunità

Lettura 2 minuti


I servizi che offrono i mercati finanziari non sono quantificabili soltanto in termini di libertà e opportunità, perché restituiscono vantaggi economici veri e solidi, che derivano dal saper utilizzare gli strumenti di analisi e gli asset indipendentemente dal loro valore intrinseco.

Alcune criptovalute, ad esempio, non esprimono alcuna utilità fattiva e di certo non contribuiscono a nulla che possa anche solo vagamente assomigliare ad un assalto a Wall Street, all’annientamento degli hedge fund o alla distruzione dell’Olimpo finanziario, eppure forniscono market timing alla speculazione.

Tuttavia, scrivere di attacco alla finanza mainstream vuol dire giocare o non aver inteso appieno cosa includono le chain a blocchi, anche se a tutt’oggi milioni di ragazzi bloccati a casa a causa della pandemia bruciano di rabbia e pianificano una sorta di rivoluzione francese finanziaria a fondamento del Pianeta Cripto.

In realtà, la finanza non è solo roba da ricchi, da squali o da lupi di Wall Street, perchè comprende titoli e asset che, attraverso il proprio budget, chiunque può scambiare alla ricerca di un corrispondente profitto .

Esistono una molteplicità di strumenti per investire denaro e, ad essi, nel XXI secolo si è aggiunta la Defi. Sia la finanza standard sia la finanza decentralizzata presentano vantaggi e svantaggi specifici, ma entrambe sono legate dall’uso di Internet come ponte tra investitore e attività.

Il trading da oltre 20 anni beneficia enormemente della Rete perché consente di accedere ai mercati senza doversi recare fisicamente nel luogo in cui avvengono gli scambi. Internet aggrega domanda e offerta, laddove la rivoluzione digitale ha determinato lo sviluppo del fintech e la nascita della blockchain.

Grazie al denaro che viaggia in fibra ottica la finanza è ora meritocratica e flessibile, i dati guidano l’operatore e le buone intuizioni lo premiano. Se è vero che il rischio è sempre dietro l’angolo, è pure vero che esistono miriadi di possibilità per chi opera sui mercati, visto che persino nei periodi di crisi economica emergono chiare occasioni di guadagno.

Il mondo dei trader, alla fine, assomiglia ad una bilancia, scende da un verso e sale dall’altro, compri da una parte e vendi dall’altra…e la giostra continua..fino a quando… vedremo..

Di Vincenzo Augello