La trendline, uno strumento che porta dove ?

Lettura 2 minuti


Le trendline utilizzano fondamentalmente le linee rette, effettivamente è molto facile tracciarle e la maggior parte di noi sa tranquillamente disegnarle sul grafico. Talvolta si riesce persino a produrre operazioni profittevoli, ma non così spesso quanto servirebbe per mantenere una certa costanza dei guadagni.

Forse sono un po duro con questo metodo, dato che per certi versi è utile quando si misura la direzione di un asset sul lungo periodo, a distanza di due o tre anni. Il punto è che quando facciamo riferimento ad un orizzonte di due anni non parliamo più di trading ma di investimento.

In figura è stata disegnata una trendline sul cambio Dollaro/Franco svizzero (USD/CHF), definita dal minimo dell’inizio del trend e dal più basso punto lineare di due anni dopo.

Dollaro / Franco svizzero (USD/CHF) di lungo periodo

Nei periodi intercorrenti questi 24 mesi il grafico ha registrato massimi e minimi più elevati, che possono essere considerati l’inizio di nuovi trend o sottotrend.

E’ quindi realmente difficoltoso operare usando una trendline lineare, indipendentemente dal fatto che il grafico sia aritmetico o logaritmico. La debolezza più evidente della trendline sta nella scarsa capacità di adattarsi alle variazioni dei livelli di volatilità; è probabilmente l’unica lacuna delle rette di tendenza, ma sufficiente a non consentirci di individuare molte opportunità di entrata, cosiddette following, ovvero basate sulla direzione di un cambio o di un titolo.


Sebbene nel nostro caso la retta rappresenti un supporto dinamico consolidato, al contempo non si dimostra un punto di attivazione costante di ipotetiche operazioni di acquisto. Peraltro, la critica sarebbe equivalente nell’ipotesi di una tendenziale supportiva tracciata sui massimi. Tornando alla figura USD/CHF, poichè le variazioni di volatilità hanno determinato il tasso di crescita della trendline, l’angolo di ascesa è diventato più ripido e per questa ragione sono stati vanificati parecchi trades dei compratori che volevano operare sulla trendline.

Di Vincenzo Augello