Le Tasse in Colorado si pagheranno in Criptovaluta

Lettura 2 minuti


Il Colorado ha deliberato una nuova legge che permetterà di pagare tasse e imposte con le criptovalute.

Colorado: “Sì” ai pagamenti dei tributi in criptovaluta

Il governatore Jared Polis lo ha annunciato la settimana scorsa, dicendo:

In Colorado abbiamo gettato le basi per essere cripto-centrici nell’innovazione blockchain per un numero indefinito di anni, come parte dell’ecosistema di innovazione globale

L’iniziativa lancia oltre l’ostacolo il target di Bitcoin e delle sue sorelle altcoin, asset che, come molte altre coin immateriali, sono stati ideati per essere strumenti di pagamento di beni e servizi.

Le criptovalute in realtà sono programmate per mettere nel cassetto denaro fiat, assegni e carte di credito ma, sfortunatamente, parliamo di un viaggio lento a causa della volatilità di questa crescente forma di denaro digitale.

I prezzi delle cripto tendono ad andare su e giù senza preavviso, perlopiù preda di variazioni scomposte a causa dello storico piuttosto limitato. Ciò ha indotto negozi, aziende e organizzazioni commerciali a dire “no” ai pagamenti in valuta virtuale e, in certa misura non possiamo biasimarli, preoccupati di perdere profitto.

Non tutti però la vedono allo stesso modo, soprattutto parte dei proprietari di attività commerciali.

Il Colorado e altre regioni del pianeta che ora concedono pagamenti criptati sostengono nei fatti il livello di adozione di Bitcoin e delle monete digitali. Il governatore Jared Polis a Denver afferma che il Colorado è stato attratto dalla tecnologia blockchain e dalle cripto, rivelandosi una delle prime regioni d’America ad implementare la catena a blocchi per scopi infrastrutturali.

Atteggiamento che ha contagiato gli Stati USA limitrofi come Arizona e California che di recente hanno introdotto disegni di legge in grado di permettere di sfruttare la crittografia per i pagamenti, una volta approvati.

Piani legislativi che permetteranno di utilizzare il metodo crittografico non solo per pagare le tasse, ma anche qualsiasi altra cosa sia localizzata in uno di questi Stati.

Stati USA come El Salvador

Entrambe le regioni sembrano replicare le intenzioni di El Salvador, il primo paese al mondo a doppiare Bitcoin come divisa di corso legale insieme al dollaro USA la scorsa estate.

Polis in effetti è fan BTC di lunga data. Nel 2014 ha accettato donazioni in bitcoin e cripto per l’elezione al Congresso degli Stati Uniti e conferma di avere in agenda le criptovalute, a regime entro l’inizio della prossima estate.

Di Vincenzo Augello