L’ETF su Bitcoin preoccupa il capo della SEC Gary Gensler

Lettura 4 minuti


Dalla scorsa settimana, il primo BTC-ETF, exchange-traded fund basato su Bitcoin viene scambiato alla Borsa di New York, il NYSE.

Rilasciato dall’azienda di trading Pro Shares, ticker BITO e nonostante tuttora perfezionabile, la maggioranza degli operatori pensa che sia un vero e concreto passo avanti. Però, Gary Gensler timoniere della SEC, non sembra così ottimista e avverte ancora il pericolo della mancanza di garanzie per gli investitori.

Gary Gensler preoccupato

La Securities and Exchange Commission, la SEC, è l’organo americano competente a regolamentare il settore delle criptovalute al fine di  assicurare che non ci siano offerte o manipolazioni illegali di titoli fiat/cripto, esercitando le medesime funzioni di vigilanza della Consob in Italia.

Gary Gensler, è il presidente della SEC e, a fronte del grande successo del nuovo ETF non è convinto che le cose siano come devono essere, menzionando una presunta e latente assenza di protezione per i cripto-trader e gli investitori.

In una recente intervista, ha infatti dichiarato:

Gli investitori non sono protetti come lo sono sia che vadano nei mercati azionari o obbligazionari e li abbiamo supervisionati a lungo. Senza tutto ciò, penso che sia davvero, come ho detto ad altri, un po’ il selvaggio West … Questi mercati, in gran parte in tutto il mondo, 24 ore al giorno, sette giorni alla settimana, non hanno le protezioni simili contro la frode e la manipolazione e il front-running e altri abusi

Gli investitori hanno avuto un approccio empatico con il nuovo ETF, anche se è preconfezionato sul future di Bitcoin, il che secondo molti analisti rappresenta un framework di alto livello sulla tecnologia DLT dei bitcoin.

In informatica, l’High Level Language è un linguaggio programmabile lento ma di più semplice comprensione che paga l’impossibilità di astrazione dall’hardware, mentre la codifica di basso livello più veloce e compatibile con la fisica di un elaboratore, è nettamente più complessa.  

Allo stesso modo, l’ETF del future di Bitcoin è ritenuto un prodotto di alto livello, in quanto potrà facilitare l’ingresso al mercato dei bitcoin, mentre l’avvicinamento alla principale criptovaluta comporta un approccio più articolato, a fronte di una auspicabile e migliore efficienza finanziaria.

Gensler è arrivato persino a commentare che la SEC potrebbe non avere la giurisdizione sull’ETF, a dispetto di tutto quanto ha fatto per aggiustare un prodotto simile negli ultimi anni, anche perché, ha continuato il capo dell’organo di vigilanza statunitense, i future sono di competenza, supervisionati e regolati dalla Commodity Futures Trading Commission, la CFTC.

Dice in proposito:

Si tratta di portare la maggior parte di questo settore dentro il mandato di protezione degli investitori

Tuttavia, se anche l’esordio di questo nuovo strumento di investimento potrebbe non aver imboccato la via migliore, l’ETF  ha aperto la strada a strumenti simili con sottostante una criptovaluta. Così, dopo il debutto di Pro Shares, Valkyrie, società di gestione patrimoniale digitale, ha presentato il suo ETF-Bitcoin fondato sul fintech dei future.

In realtà, l’amministratore delegato Leah Wald, data la risposta positiva che Pro Shares ha ricevuto, crede che altri prodotti di questo tipo potranno diventare importanti e di peso nella finanza degli Stati Uniti. Grayscale Investments, inoltre, sta provando a convertire il proprio trust bitcoin, noto come GBTC, in un ETF bitcoin spot.

Più difficile un ETF a pronti nell’immediato

Le news sono buone, ma Gensler probabilmente non approverà in tempi brevi anche un ETF su Bitcoin e sottostante non derivato, almeno in base alle dichiarazioni di Nate Geraci, presidente di ETF Store, che ha detto qualche giorno fa:

La SEC non crede di poter vigilare in modo adeguato gli scambi di criptovalute e combattere le potenziali frodi e manipolazioni. Mentre gli ETF bitcoin basati su future sono un primo passo positivo, a quanto risulta gli investitori potrebbero aspettare un po’ per un prodotto spot

Di Vincenzo Augello