L’evoluzione di Bitcoin dalla nascita fino ad oggi

Lettura 3 minuti

ANNO 2009, nasce la nuova valuta, il suo valore è di 0,00079 dollari, molto meno di quanto serviva a produrre un solo bitcoin, considerando le spese per computers ed energia elettrica.

ANNO 2010, avviene il primo acquisto di un bene vero e proprio pagato con moneta digitale crittografata: due pizze al prezzo di 10.000 bitcoin; vede inoltre la luce MT.Gox, il primo sito per scambiare criptovalute.

ANNO 2011, un anno storico per Bitcoin, che raggiunge la parità con il dollaro USA.

ANNO 2012, Bitcoin continua a rivalutarsi sui mercati finanziari e per la prima volta fu erogato un finanziamento ad un’azienda basata su blockchain. Alla fine dell’anno un bitcoin valeva 10 dollari.

ANNO 2013, la crescita sui mercati finanziari è esponenziale, in quest’anno la criptovaluta tocca prima quota 100 dollari e poi raggiunge i 1.000 dollari. L’attenzione sul Bitcoin comincia ad aumentare ed il concetto di moneta criptata inizia a diventare di dominio pubblico; molti store sono disposti ad accettarlo come metodo di pagamento. E’ forse l’inizio di una nuova era.

ANNO 2014, annus horribilis per la nuova valuta: la Cina vieta lo scambio in Bitcoin a tutte le istituzioni finanziarie, per cui diventava illegale ogni transazione in Bitcoin. Un colpo durissimo visto che l’80% degli scambi avveniva in Cina. Non basta, in questo medesimo anno chiude il sito MT.Gox, che dichiarò bancarotta a seguito del più grande attacco hacker di criptovalute, in cui furono rubati 750.000 bitcoin di clienti e 100.000 di aziende.

ANNO 2015, si riconsolida la fiducia verso le divise virtuali e Bitcoin, grazie soprattutto alla tecnologia blockchain che comincia a farsi strada e ad interessare aziende e investitori. La moneta digitale principale chiude l’anno con un valore di 400$.  

ANNO 2016, l’effetto degli investimenti si sente, il mercato si espande e l’ecosistema Bitcoin fondato su blockchain diventa più sicuro. Le quotazioni sui mercati speculativi superano di nuovo la soglia dei 1.000 dollari. Aumenta l’attenzione dei traders privati.

ANNO 2017, Bitcoin vive un’incredibile impennata dei prezzi che porterà il suo valore a oltre 4.000$ prima e a sfiorare i 20.000 dollari a fine anno. Si intensifica di conseguenza l’interesse mediatico che oramai è concentrato su questo fenomeno economico. Le dinamiche del mercato di Bitcoin investono piccoli, medi e grandi operatori.   

ANNO 2018, il valore di Bitcoin attraversa un’ondata ribassista importante sebbene le quotazioni si siano prima assestate sopra i 4.000$, superando ripetutamente poi i 9.000$. La tecnologia che sostiene la principale divisa digitale si inserisce in ambiti alternativi al solo comparto economico e raggiunge aspetti sociali e produttivi della vita delle persone.

ANNO 2019, Bitcoin risulta una delle innovazioni finanziarie più chiacchierate, e anche più rilevanti dell’ultimo decennio. La criptovaluta ha una specifica valutazione, che varia nel tempo, e che può aumentare o diminuire a seconda dell’andamento del mercato. La moneta digitale non é semplicemente uno strumento finanziario da sfruttare nel trading per il suo valore volatile, ma viene anche convertita in altre valute virtuali per fare acquisti. (Di Vincenzo Augello).

Per gli appassionati di criptovalute

Prova il browser Brave in modo da sostenere il progetto di diffusione di Brave Software Inc.,oppure visita la mia pagina facebook “Brave il migliore browser al mondo” se vuoi sapere di cosa si tratta e scaricarlo dal pulsante USA l’APP. Vedrai che è interessante, remunerativo per gli utilizzatori ed in grado, tra poco tempo, di restituire profitti mediante la visualizzazione delle pubblicità dei siti internet che visiti, come già avviene in Francia, USA, Canada, Regno Unito e Germania.

Download Brave browser