Messaggi cifrati Lightning Network con Bitcoin e Whatsat

Lettura 3 minuti

La rete di Bitcoin potrebbe avere un utilizzo che va oltre i pagamenti in valuta virtuale. La settimana scorsa Joost Jager, sviluppatore di Lightning Labs, ha presentato il nuovo progetto sperimentale Whatsat, software Lightning Labs ed una sorta di  versione peer-to-peer di WhatsApp che può essere utilizzato per inviare messaggi privati. Come Bitcoin, è una applicazione decentralizzata dove manca un’entità centrale di controllo che possa in qualche modo inserirsi nelle comunicazioni.

Jager ha rilasciato un’intervista a CoinDesk spiegando:

Lightning è una rete peer to peer in cui chiunque può partecipare. Non c’è un’unità centrale di amministrazione che abbia la funzione ultima di decidere cosa gli utenti sono autorizzati a comunicare”.  La messaggistica privata è un tema bollente nell’era digitale, in quanto è abbastanza semplice per i malintenzionati intercettare messaggi che non sono cifrati. Applicazioni come Signal e Wire offrono oggigiorno agli utenti una tutela della privacy maggiore, ma in generale i sistemi di messaggistica presentano tuttora falle importanti.

Mi piacerebbe uniformare la messaggistica ai dialoghi di persona, immaginando di farli senza chiedere il permesso a nessuno”, ha affermato Jager.È una libertà così naturale, che spesso non ci rendiamo conto di quanto sia importante. Mentre continuiamo a digitalizzarci ogni giorno di più, penso che abbia senso estendere questa libertà al mondo virtuale“.

Whatsat è un progetto nato dalla passione per sistemi di rete di Jager, non è qualcosa a cui ha lavorato per professione o nell’ambito di Lightning Labs; l’applicazione infatti è in fase sperimentale e non impegna i protocolli di pagamento Bitcoin .

Whatsat  come sistema di messaggistica incidentale

Jager ha sempre dichiarato che era possibile aggiungere funzioni ai pagamenti, così una recente modifica alle specifiche del Lightning Network ha standardizzato il funzionamento del sistema di messaggistica integrata in modo che il Wathsat sia compatibile.

Esistono di fatto altre tecnologie che possono essere utilizzate per decentralizzare la messaggistica, ha detto Jager, ma egli sostiene che LN ha prerogative e vantaggi che altre applicazioni non hanno.

Il Lightning non è l’unico modo per decentralizzare le chat, ma in più è una rete di pagamento“, inoltre : “gestire qualsiasi tipo di servizio centralizzato o decentralizzato costa soldi e con Lightning potrebbe essere facile arginare questo tipo di incombenza“.

La sfida sarà coinvolgere le persone, per cui in molti hanno suggerito di costruire dei ponti di connessione verso le applicazioni più popolari come WhatsApp o Signal, in modo che gli utenti non debbano scaricare per intero un nuovo programma per partecipare alle chat LN.  I messaggi inviati su Whatsat sono gratuiti per ora. Whatsat  infatti conta molto sulla gratuità del servizio anche se gli aggiornamenti futuri potrebbero considerare contributi sotto forma di frazioni infinitesimali di Bitcoin.  “La rete non è ancora pronta e le tariffe devono essere calcolate. È difficile fornire ora una stima dei costi effettivi di gestione di un nodo di routing “, ha dichiarato Jager. Secondo i dati resi pubblici online, i pagamenti lightning attualmente pesano in media per 0.0001 satoshi: un singolo satoshi  attualmente vale una frazione di centesimo di euro.

Jager ha concluso specificando che: “Ci sarebbero persone disposte a pagare per questo tipo di servizio. Tuttavia supponendo che l’utente medio invii 30 messaggi al giorno,  il tutto si ridurrebbe a circa 1 satoshi per messaggio che, con l’attuale tasso di cambio Bitcoin significa 1 dollaro l’anno  per l’utente“. Al momento totalmente gratuito, in futuro Wathsat potrebbe tutelare la privacy delle persone con prezzi davvero a buon mercato. (Di Vincenzo Augello).