Mike Novogratz: Bitcoin avanti, in una via senza uscita

Lettura 3 minuti


L’investitore miliardario, ex hedge fund e attuale CEO di Galaxy Investment Partners, Mike Novogratz, dice di essere sbalordito per quanta strada ha fatto Bitcoin negli ultimi anni e per come sta crescendo la sua adozione.

Tutti ricordano i tempi in cui BTC aveva davvero poca considerazione, quando aziende e privati gli voltavano le spalle, convinti si trattasse di una moneta truffa. Mainstream media soprattutto spiegavano che si finiva in uno schema Ponzi che avrebbe condannato investitori altamente qualificati alla mendicità e, a dire il vero, ci sono stati giorni nella breve ma intensa storia di Bitcoin in cui pareva avessero ragione.

Ad esempio, come dimenticare l’annus horribilis, il 2018, quando dopo aver toccato il massimo storico a quasi 20.000 dollari, BTC, nel corso dei mesi e mentre negli Stati Uniti si faceva festa per il Giorno del Ringraziamento, crollò sotto i 4.000 ($). Molti investitori hanno perso un sacco di soldi e il declino per Bitcoin pareva imminente.

Invece, la moneta ha trascorso le ultime stagioni in territorio nettamente positivo, salendo di qua e di là nel 2019 per poi ottenere un nuovo primato nel 2020, in scia alla pandemia da Coronavirus. Durante questo periodo, il denaro cash ha cominciato a perdere autorevolezza, in ragione dell’inflazione indotta soprattutto dalle politiche espansive a regime in quasi tutto il Pianeta e che anche gli Stati Uniti devono subire. Così, in tanti si sono rivolti a Bitcoin, guardandolo sotto una luce completamente nuova. Non era più solo uno strumento per speculatori, si dimostrava una efficace riserva di valore che poteva proteggere i capitali privati nei cicli di crisi economica.

C’è stata anche una fase dove la volatilità della criptovaluta ha imbrigliato sia le aspettative sia le linee guida del white paper. Infatti, quando è nato nel 2009, Bitcoin è stato progettato per essere una valuta di pagamento e qualcosa che avrebbe potuto soppiantare il denaro di plastica e le monete fiat. Tuttavia, quest’ultimo obiettivo è rimasto all’interno di un percorso lento e difficile, specialmente per la vulnerabilità numero uno di BTC: la variabilità del prezzo. Per questo molte aziende hanno rifiutato di accettarlo.

Però, con il passare del tempo, diverse imprese gradualmente hanno cambiato idea. Ora, colossi come PayPal e Tesla consentono pagamenti in Bitcoin e cripto, e magari il manifesto di chi o di coloro che hanno creato Bitcoin potrà essere realizzato.

Bitcoin sta per esplodere ?

Novogratz ha preso nota di tutto il background della più importante moneta implementata su blockchain e ha affermato in una recente intervista:

Penso che Bitcoin sia in un percorso inevitabile in cui avrà la stessa market cap e poi una capitalizzazione ancora più alta dell’oro

Novogratz prevede presto BTC a 65.000 dollari.

Di Vincenzo Augello