Nel trading di valute prima di tutto è importante difendere il capitale

Lettura 2 minuti

E’ davvero importante avere cura del proprio conto trading. Infatti, la regola numero uno di chi frequenta i mercati finanziari in modo professionale è non perdere soldi, mentre la seconda regola è non dimenticarsi della regola numero uno. Per descrivere quest’aspetto possiamo ricorrere ad un esempio pratico: supponiamo di aver guadagnato il 20% in un anno, per cui, ipotizzando un capitale investito di 100.000 euro ci siamo messi in tasca 20.000 euro (100.000 x 20%).

Ora, immaginando di aver seguitato operando da cassettista, con un outlook di lungo termine, subiamo un drawdown e perdiamo una somma consistente: il 50% del capitale di trading, che così diventa di 50.000 euro.

Se l’anno seguente dovessimo rifare il 20% otterremo un guadagno di 10.000 euro (50.000 x 20%) ed il capitale sul conto trading salirebbe a 60.000 euro. Il problema è che per tornare al capitale iniziale, pari a 100.000 euro, dovremo realizzare un guadagno del 100% (50.000 x 100%); quindi a fronte di una perdita del 50% annuo, nell’anno successivo si dovrà ottenere un profitto del 100% per riportarci alla pari, quando invece la nostra capacità di rendimento annuo è del 20%.

Da questa sintetica ricostruzione si può facilmente comprendere che il recupero di perdite consistenti può essere un lavoro lungo, faticoso ed estenuante, e che le strategie di medio o di lungo periodo nel forex – trading possono esporre a rischi maggiori rispetto ad un’operatività intraday o di breve termine.

Di Vincenzo Augello