Ora sono più di mezzo milione i publishers di Brave

Lettura 2 minuti
  • Brave ha più di mezzo milione di editori verificati che guadagnano con Basic Attention Token (BAT)

  • Gli editori investono o spendono in Rete i BAT incassati

Brave, il browser basato sulla blockchain di Ethereum, ha più di 500 mila editori verificati che guadagnano regolarmente Basic Attention Token (BAT). Gli editori in parte investono e in parte redistribuiscono i tokens incassati ricompensando i “colleghi”, alimentando in questo modo la circolazione della criptovaluta sulla Rete Internet. Il browser cripto-powered Brave, secondo i dati forniti da BATGrowth, ha una quantità di creatori di contenuti in costante crescita dal suo lancio avvenuto nel 2016.

Ad oggi, sono stati arruolati più di 300.000 publishers da YouTube, 48.383 da siti web, 59.287 da Twitter, 44.910 da Twitch e 46.156 da Reddit. Il browser vanta editori anche su Vimeo e GitHub. Gli editori verificati comprendono tra l’altro famosi YouTubers con milioni di followers e alcuni dei più grandi siti web al mondo.

In base ad un rapporto precedente di CryptoGlobe, Brave ha sommato un milione di utenti in più a marzo, in scia alla crisi pandemica da Coronavirus ed in concomitanza con l’associazione a TAP Network che ha permesso alla community di spendere Basic Attention Token (BAT) su 250.000 marchi, tra cui Uber e Xbox.

All’epoca l’azienda guidata da Brendan Eich dichiarava:

Oggi l’aggiornamento del browser desktop (1.7.92) si integra con la rete @TAPCOIN. Ora gli utenti Brave possono riscattare i BAT guadagnati con la visualizzazione degli annunci pubblicitari Brave opt-in, che preservano la privacy, per ottenere prodotti da 250.000 marchi come Starbucks, Apple e Target

L’ultima versione di Brave è la 1.7.98 a 64-bit, totalmente open source, superiore in termini di caricamento rispetto ai più conosciuti Chrome e Firefox, Brave visualizza le pagine HTML almeno tre volte più velocemente senza alcuna patch aggiuntiva.

Di Vincenzo Augello