Perché le criptovalute sono volatili ?

Lettura 2 minuti

Le criptovalute, prive di un corrispondente fisico come il Dollaro, l’Euro o lo Yen, sono volatili perché la quantità di monete virtuali circolanti, la circulating supply, non può espandersi o contrarsi per rispondere alle variazioni della domanda che tende a stabilizzarne il prezzo. Certamente, come ogni bene, il prezzo delle criptovalute o di Bitcoin è determinato dalla legge della domanda, quindi dal numero di persone disposte a comprare e dall’offerta, ovvero dal numero di monete presenti in rete, cioè minate fino a questo momento. Però, poiché il numero di monete in circolazione è gestito da un algoritmo di protocollo, non si può bilanciare l’offerta di moneta sulla base delle variazioni della domanda, ed è questo che produce una conseguente maggiore variabilità del prezzo nell’unità di tempo.

LA SPECULAZIONE ALIMENTA LA VOLATILITA’ DELLE CRIPTOVALUTE

Un altro fattore che provoca l’instabilità delle valute virtuali è la scarna liquidità del mercato delle cripto rispetto a quello tradizionale. Attualmente infatti gli attori principali degli scambi in criptovaluta sono le grandi whale, proprietarie di enormi quantità di moneta digitale, seguiti dai piccoli investitori, per cui anche solo il trasferimento di una ridotta percentuale del loro capitale condiziona in modo significativo i valori a mercato di una e-currency.

LA MAGGIORE STABILITA DELLE VALUTE A CORSO LEGALE

La volatilità pesa di meno sulle monete tradizionali, cosiddette fiat. Il prezzo dell’Euro o del Dollaro ecc.. di fatto viene calibrato dalle attività delle Banche Centrali, delle Banche Commerciali, dei governi e delle grandi istituzioni finanziarie. Prima degli anni 70, invece, le valute fiat erano ancorate alle riserve d’oro.

LE STABLECOIN

Il settore delle criptovalute ha dunque compreso la necessità di offrire un’alternativa che comprendesse anche criptovalute di valore più o meno costante, in grado di conquistare l’attenzione di risparmiatori e investitori. Le stablecoin provano dunque a colmare questo vuoto legato agli asset digitali, affidandosi ad un sistema di ancoraggio a riserve di valore che possono essere rappresentate da asset di moneta tradizionale, da una stablecoin algoritmica o da altra criptovaluta, che fanno da garanzia tramite un tasso di cambio ponderato.

Di Vincenzo Augello