Quote reali di ipercomprato e di ipervenduto, il ruolo della volatilità

Lettura 2 minuti

E’ risaputo che una delle lacune degli oscillatori che fissano situazioni di ipercomprato e di ipervenduto è la loro incapacità di funzionare in modo efficiente in presenza di una tendenza definita, nota anche come fase trending market. Tuttavia, quando si è in grado di distinguere un ciclo trending market da uno trading range non ci sono grossi problemi. In realtà sarebbe tutto più semplice se gli indicatori di analisi tecnica funzionassero bene sia in presenza quanto in assenza di trend, sebbene la misurazione dello spazio di volatilità semplifichi le cose e individui livelli più affidabili di overbought e di oversold.

L’introduzione della volatilità in effetti aggiunge il vantaggio di definire la differenza tra una situazione tecnica di ipercomprato / ipervenduto e una situazione reale di ipercomprato / ipervenduto. E’ chiaro che riuscire a differenziare quando un indicatore segnala una lettura estrema è importante, visto che in finanza è nei momenti difficili che vengono prese le decisioni migliori e più proficue; per cui, l’accuratezza di un market timing reale da overbought o da oversold, in corrispondenza di punti di inversione, è ciò che conta di più per un trader professionista.

Questo setup-grafico può completare la misurazione di overbought e di oversold (timeframe 2h – 09:30 UTC + 2) del cambio Euro/Dollaro (EUR/USD)

L’integrazione dell’RSI con il canale di regressione lineare completa la valutazione sugli estremi di mercato

L’ oscillatore RSI, così come lo stocastico o gli altri oscillatori, includono uno svantaggio intrinseco, in quanto il calcolo eseguito sulla direzionalità non è legato ad un range di mercato. In verità, quando siamo lì, davanti al monitor, a scrutare l’abisso del futuro, il fatto di integrare la nostra attività previsionale con strumenti che misurino la volatilità rispetto al trend compensa le mancanze degli oscillatori. In questo tipo di lavoro soccorrono non soltanto strumenti come la deviazione standard o il canale di regressione lineare, ma anche le opzioni PUT e CALL con open interest elevato che hanno come sottostante il cambio di riferimento, in grado di stabilire livelli rispettivi di supporto e di resistenza finanziari.

Di Vincenzo Augello