Sai perché stai investendo ?

Lettura: 3 minuti

Gli acquisti su valute, criptovalute, titoli e azioni si decidono razionalmente o su base emotiva ? Nel valutare le caratteristiche di un asset talvolta attirano la nostra attenzione elementi superficiali come la piacevolezza della piattaforma web o il suo corredo accattivante di pubblicità. E’ probabile che ciascuno di noi ricordi acquisti scaturiti solo dall’emotività: una cripto che ha rapidamente coinvolto la nostra attenzione e che abbiamo improvvisamente desiderato, poi magari ha perso molto del suo valore iniziale. La gestione attenta delle proprie finanze è quindi la via maestra per non investire troppo o male in asset di cui si può fare a meno.

Prendere atto della componente irrazionale

La psicologia dice che le emozioni guidano il nostro comportamento, mentre la logica spiega le nostre azioni. Così, a tanti di noi piace fare trading, sparare tutti i giorni ordini a mercato o custodire beni digitali, ma useremo mai questi soldi ? Quando decidiamo di investire sarebbe importante avere una chiara comprensione delle motivazioni, sia razionali sia emotive, che si imboscano dietro al nostro “bisogno” di fare operazioni finanziarie. I trader spesso investono per compensare la mancanza di qualcosa; fermiamoci quindi anche solo qualche minuto a pensare perché sentiamo il bisogno di stare sui mercati e se quanto si muove sui grafici è davvero quello che cerchiamo.

Recensioni e informazione per scegliere bene

Tuttavia, se si decide di investire la scelta non dovrebbe tener conto soltanto di fattori individuali legati alla sfera emotiva, visto che da sempre aziende di brokeraggio, exchange e intermediari hanno fatto leva sulla componente umana suscettibile alla propaganda di massa, quando invece deve entrare in gioco lo spirito critico e la razionalità. Una buona regola per scegliere in modo intelligente è informarsi in Rete, leggere recensioni e libri di economisti, operatori e analisti che sono riusciti a dimostrare qualcosa, per capire dopo come agire.

Meglio fare il trader quando si è soli

Fare Gordon Gekko con gli amici potrà risultare divertente in alcuni casi, ma non è l’atteggiamento migliore in Borsa. Da soli, infatti, riusciremo a rimanere più concentrati, evitando di soffermarci su certi aspetti solo perché ne è sedotto chi è insieme a noi. Le opinioni degli altri rischiano di confonderci le idee e possono influire sulla decisione finale, inducendoci a comprare/vendere qualcosa di cui non si ha la necessità.

Ai soldi il giusto valore

Non valutiamo un titolo, una cripto o una valuta solo dalla speranza di rendimento, calcoliamo invece quanto tempo della nostra vita costerebbe pagare la perdita a cui ci esponiamo. In pratica, dovremmo chiederci quanto tempo dobbiamo lavorare per pagare quell’investimento e se questa decisione ci renderà realmente soddisfatti. Per esempio, ipotizzando che il costo di una nuova operazione assorba il 40% del nostro guadagno mensile, potremmo riflettere un po’ di più prima di eseguirla a mercato.

Gestire le proprie finanze

Ci vogliono tempo e dedizione per riuscire a modificare al meglio la nostra condotta verso il denaro, e ogni tanto l’impulso di fare click sul mouse di una piattaforma di trading  prende il sopravvento. Succede a tutti; se invece capiremo come farlo consapevolmente, in avvenire diventeremo operatori attenti, che sapranno investire saggiamente parte dei propri risparmi.

In verità, non credo serva solo ridurre la spesa per aumentare i risparmi, è utile anche pensare a come scegliere asset in modo informato e razionale, così da poter fare scelte operative ponderate, migliorando il proprio benessere finanziario generale.

Di Vincenzo Augello