Sei professionista o imprenditore del trading ?

Lettura 2 minuti


L’imprenditore amministra il capitale di un’azienda finanziaria e il lavoro degli altri trader della sua società, l’operatore finanziario professionista invece svolge in proprio la sua attività di trading. Questa, in estrema sintesi, è la differenza tra imprenditore del trading e trader privato.

In pratica, l’imprenditore assume su di sé la responsabilità di un risultato, laddove al trader indipendente è richiesta la perizia delle esecuzioni. Un lettore potrebbe allora domandarsi: sono professionista o imprenditore dei mercati finanziari, siano essi CeFi o DeFi ?

Ebbene, se passiamo la giornata davanti ai monitor a fare analisi tecnica e fondamentale, alla ricerca di setup e vantaggio statistico visionando decine di grafici, possiamo considerarci professionisti del trading. In questo caso, quando è maturata adeguata esperienza, tale per cui ci si sente in sintonia con i mercati, arrivano anche profitti e prospettive professionali.   

Tuttavia, un obiettivo simile richiede disciplina, pazienza e costanza, in quanto trascorrere molto tempo senza trovare una configurazione tecnica convincente può dimostrarsi frustrante e spesso è una delle prove più dure da affrontare, anche perché ordinare un trade per noia e senza i presupposti migliori potrebbe invalidare i guadagni precedenti.

In condizioni psicologiche di questo tipo e quando vengono meno i riferimenti necessari è possibile avvicinare il trading imprenditoriale, grazie al quale un team di trader pianifica una serie numerosa di configurazioni grafiche a vantaggio dei clienti. A questo punto, niente più giornate passate davanti ai computer, a fronte di una maggiore attenzione verso il sistema di trading o il fondo acquistato, assicurandosi che facciano il lavoro al posto tuo.      

D’altro canto, una delle capacità dell’imprenditore finanziario è quella di riuscire a delegare il trading ai trader migliori, impegnandosi costantemente nella formazione di nuova forza lavoro. Questa figura crea quindi un’azienda e i suoi operatori sono trader esperti alle sue dipendenze. 

In buona sostanza parliamo di un manager, chiamato a controllare che tutto funzioni secondo le sue direttive, riuscendo a sostenere i costi che i ricavi generati dalla sua impresa devono coprire. Aspetto, quest’ultimo, che negli ultimi anni viene sottovalutato anche da importanti banche d’affari.  

Di Vincenzo Augello

Fonte immagine di copertina: okforex.it