Social Media rumor: Facebook ha comprato Bitcoin

Lettura: 3 minuti

E’ così ? Facebook ha comprato bitcoin ? Si, o almeno questi sono i rumor sulla Rete e secondo cui The Social Network avrebbe aggiunto nel suo balance sheet la criptovaluta più importante per market cap.

Dicono che Facebook ha comprato bitcoin

Premesso che in stesura la faccenda resta campata in aria e nulla c’è di ufficiale, Facebook che somma BTC al suo playbook lascerebbe sorpresi solo a metà. Anzitutto, già numerose grandi istituzioni hanno acquistato la valuta digitale numero uno al mondo, le più note sono MicroStrategy e Tesla. Entrambe hanno comprato l’equivalente di oltre 1 miliardo di dollari di bitcoin.

Poi, dopo che MicroStrategy è entrata nel business di Bitcoin, altre società come Square e Mutual, hanno acquistato in massa BTC . Ciascuna di queste aziende possiede più di 100 milioni di dollari della criptovaluta. Allora, visti i precedenti che su larga scala hanno fatto raccolta di bitcoin, non sarebbe un trauma se Facebook decidesse di unirsi alla community.

Allo stesso tempo però, rimane quanto meno enigmatico che Facebook continui a lavorare alacremente per sviluppare la propria criptovaluta; un obiettivo che solo di primo acchito parrebbe arenatosi. Inoltre, siccome l’azienda di Menlo Park, almeno pubbicamente, non ha ancora rinunciato all’ideazione concreta di una sua moneta virtuale, quanto si vocifera negli ultimi giorni su Facebook e Bitcoin non dovrebbe meravigliare più di tanto.

Inizialmente conosciuta come Libra, l’e-currency è stata lanciata nell’estate del 2019. L’asset doveva essere pronto entro l’anno dopo, ma vari ostacoli normativi ne hanno impedito l’approdo nell’arena delle cripto. Oltre a queste difficoltà, la pandemia da Coronavirus c’ha messo del suo ed ha impedito a molte aziende, compresa Facebook, di raggiungere obiettivi e traguardi a causa dei lockdown che hanno penalizzato il giro d’affari di settore.

È la fine di Libra ?

Quasi due anni dopo l’annuncio di Libra, la criptovaluta di Facebook è stata rinominata “Diem” e non è ancora disponibile per gli exchange. Ora, se Facebook avesse davvero comprato bitcoin potrebbe significare due cose: la prima è che l’azienda starebbe ancora cercando la propria cripto e avrebbe comprato bitcoin probabilmente per studiarne le specifiche e dare a Diem alcune delle qualità intrinseche di BTC.

L’altra ipotesi suggerirebbe che Facebook sta “congelando” la sua criptovaluta, almeno per il momento, e compra bitcoin “nel fiasco”, rendendosi conto che non può competere con Bitcoin e spera solo di fare soldi con BTC come tante altre aziende stanno cercando di fare.

Di Vincenzo Augello