Statistica delle figure grafiche: Rettangolo e Triplo Massimo

Lettura 2 minuti

Qual è la differenza tra un Rettangolo e un Triplo Massimo, visto che entrambi provocano un ciclo di compressione ? I due pattern di analisi tecnica disegnano tre massimi perlopiù coincidenti (A-C-E) e un livello di supporto (B-D) / (B-D-F), pur essendo diverso lo sviluppo direzionale successivo. Con il Triplo Massimo il mercato rompe il supporto (B-D) e innesca un’accelerazione ribassista, mentre con il rettangolo il mercato attraversa la resistenza (A-C-E) spingendo al rialzo i prezzi.

Poiché in queste situazioni può risultare difficile anticipare la prosecuzione del mercato, può tornare utile monitorare il comportamento dei volumi. Nel caso del Triplo Massimo le salite (B-C e D-E) sono accompagnate da una riduzione dei volumi, mentre nel caso delle discese (A-B e C-D) si verifica un incremento dei volumi.

Triplo Massimo

Ciò dimostra che la pressione dei venditori sta aumentando e che gli scopertisti sono sul punto di prendere il controllo del mercato.

Nel Rettangolo, invece, abbiamo un aumento dei volumi nella fase ascendente dei valori di quotazione con le salite (B-C e D-E), ma i volumi diminuiscono nelle discese (A-B, C-D e E -F )

Rettangolo

Ciò segnala che la pressione esercitata dai compratori é in aumento e che i buyer sono in procinto di prendere il controllo dei prezzi.

Nel caso del Triplo Massimo si apre una posizione short alla rottura del livello di supporto (B-D), con stop loss posizionato poco al di sopra dei massimi (A-C-E). Se invece volessimo monetizzare la statistica di una figura grafica a rettangolo, ordineremo una posizione in acquisto quando il prezzo supera la resistenza tracciata dai massimi (A-C-E), con stop loss appena al di sotto dei minimi (B-D-F).

Le rotture degli estremi generalmente provocano un’esplosione dei volumi, in quanto tanti trader entreranno a mercato con l’idea di sfruttare l’inizio di una nuova tendenza.

Di Vincenzo Augello