The Tube invasa dalla pubblicità sulle cripto

Lettura 3 minuti


Londra e la sua metropolitana traboccano di una quantità record di pubblicità su Bitcoin e criptovalute, e i residenti della capitale britannica cominciano ad interrogarsi in merito all’opportunità di una regolamentazione sul brulicare di promozioni pubblicitarie talvolta ingannevoli.

Londra invasa dalla pubblicità di criptovalute

Le criptovalute rappresentano perlopiù asset non regolamentati e attualmente in tante aree del Regno Unito la preoccupazione è soprattutto sulla volatilità di questa forma di investimento.

Il timore è quello che la gente diventi dipendente dalle oscillazioni dei prezzi delle cripto e alla fine subisca danni finanziari .

Transport for London (TFL) è la società responsabile per la manutenzione e il dedalo delle linee della metropolitana londinese, dove i vagoni che viaggiano nella Tube sono ricoperti da una massa spropositata di annunci di criptovalute o aziende attive nello scambio di monete digitali.

Una situazione in contrasto con la promessa fatta tempo fa da Sadiq Khan, sindaco di Londra, di censurare le sponsorizzazioni annesse al gioco d’azzardo e alle criptovalute.

Mentre Khan ha espresso un tale proposito circa nove mesi fa, un portavoce dell’ufficio del sindaco ha commentato che la legge c’è ma necessita di regolamenti di attuazione.

Sian Berry, del partito verde d’Inghilterra, membro dell’Assemblea di Londra dal 2016, il consesso che vigila sull’operato del Mayor of London, esorta quindi Khan ad andare avanti e ad onorare la parola data sulla questione, in modo da vietare tutte quelle pubblicità su cripto e gioco d’azzardo che possono mettere in pericolo la stabilità finanziaria delle persone, e dice:

Le bolle di investimento hanno sempre funzionato trascinando più babbei e inesperti verso la fine del ciclo. Questo è lo stadio in cui alcuni di questi progetti potrebbero trovarsi con tutta questa pubblica pubblicità. Il rischio è che attirino persone che hanno più probabilità di perdere soldi, il che è strettamente equivalente al gioco d’azzardo, e penso che queste promozioni dovrebbero essere vietate da Transport for London. Le persone lottano in questo momento e i loro progetti di vita potrebbero aver subito duri colpi. Potrebbero aver perso i loro mezzi di sostentamento o le loro case ed essere dipendenti da schemi Ponzi per arricchirsi. La TFL sta facendo dei controlli adeguati per stabilire se si tratta di società autorizzate ?

Un portavoce di TFL ha risposto che tutte le pubblicità di criptovalute nella più antica rete metropolitana del mondo hanno disclaimer che sottolineano che le cripto non sono regolamentate nel Regno Unito, né gli investitori dovrebbero aspettarsi che il valore continui sempre a salire.

TFL ha detto pure di essere costantemente impegnata in controlli affinché tutte le pubblicità siano compliant con la FCA prima di essere messe nei vagoni, e molte di fatto sono state rifiutate o considerate non conformi dalla Financial Conduct Authority.

La formazione è importante

Dan Moczulski, CEO di e-Toro per l’Inghilterra, ha commentato in una recente intervista:

e-Toro sostiene pienamente le misure, compresa la regolamentazione, progettate per proteggere ed educare gli investitori su cripto e altre classi finanziarie

E’ vero infatti che sono ormai numerose le aziende attive sui prezzi delle valute digitali e che mettono in guardia sui pericoli attorno il mondo delle criptovalute, società che puntualmente e in chiaro ne sottoscrivono i rischi nelle campagne pubblicitarie che offrono.

di Vincenzo Augello