TikTok censura i cripto influencer

Lettura 3 minuti


TikTok, popolare social cinese, a quanto sembra ha cambiato le sue “regole d’ingaggio”. Come risultato, molti video sulle criptovalute e la tecnologia blockchain sono stati rimossi, così a niente sono valse le proteste dei cripto-tiktoker che spiegano di non aver commesso alcun illecito.

A TikTok non piacciono i video sulle criptovalute

Il network asiatico vieta tutti i video che promuovono attività illegali e financo asset regolamentati; però, ironia della sorte, Bitcoin e le e-currency non sono del tutto regolamentate, quindi, come potrebbe un video su criptovaluta dipendere da materiale regolamentato ?

E’ un’insofferenza che stiamo vedendo in tutto il Globo, dagli Stati Uniti a oriente, mentre il pianeta cripto seguita ad espandersi e i regolatori cominciano a chiedersi come riuscire a controllarlo. Il problema è che molti “vigilantes” non sanno come farlo, anche perché le competenze tecniche richieste sono importanti.

Il tiktoker Lucas Dimos, giusto per citarne uno, negli ultimi mesi ha già visto diversi video rimossi e teme che un prossimo ban di un suo post possa determinare l’espulsione definitiva dalla piattaforma made in Cina.

Sarebbe una vera e propria perdita per lui e non solo, considerando che ha più di 300.000 contatti che lo seguono, una soglia non troppo distante da quella che restituisce redditi da pubblicità su TikTok. In un’intervista, ha infatti dichiarato:

Il mio account viaggia sul filo del rasoio. Stiamo morendo qui fuori. Stiamo annaspando. Abbiamo cercato di costruire una comunità e di guidare tutto questo movimento nella giusta direzione… È stata come una reazione istintiva di TikTok contro tutte queste truffe che stavano succedendo. Mentre possono e devono bloccare i post di scam, tutti noi cripto influencer non siamo più nella possibilità di pubblicare nessuno dei nostri contenuti

Dimos, come molti poster di blockchain e cripto su TikTok, dichiarano che cercano semplicemente di fare informazione per rendere comprensibile alle persone meno esperte i benefici delle valute immateriali, e come preservare i risparmi dall’inflazione in tempi di gravi turbolenze economiche.

Dopo tutto, Bitcoin è ora una forma collaudata di strumento di copertura. Ciò nonostante, la piattaforma social media più utilizzata dai post-millennial non vede le cose allo stesso modo, e i suoi algoritmi sono a pieno regime per cancellare ogni traccia video che faccia riferimento alle criptovalute.  

Fate attenzione alle parole

L’unica maniera di farla franca con la pubblicazione dei cripto-video, è quella di mostrare che i prodotti in criptovaluta che si stanno promuovendo sono all’interno di brand che l’app TikTok riconosce. Tra l’altro, l’influencer Wendy O, ha detto sull’argomento:

TikTok è un ombra che vieta e censura i creatori di contenuti su cripto, quando molti di noi stanno pubblicando pezzi a sfondo educativo

Gli influencer spiegano anche che i video vengono eliminati se si usa una eccessiva verbosità. Per esempio, alcuni creatori di contenuti dicono che parlare di “Binance” o di “finanza decentralizzata” è l’anticamera per ottenere la rimozione dei video dalla piattaforma, così come menzionare “Bitcoin” o “Ethereum” può equivalere a bruciarsi l’account.

Di Vincenzo Augello