Trading dal tuo computer di casa, ma al sicuro

Lettura 3 minuti


Le attività di trading tramite un broker, un exchange o un qualunque altro intermediario di Borsa si basano su filtri all’ingresso di sistemi proprietari che implementano antivirus, firewall, cifratura degli ordini di acquisto/vendita e delle comunicazioni.

Ciò nonostante è importante quando si opera avere installato anche nel proprio computer efficaci programmi di sicurezza preventiva che difendano la nostra postazione di lavoro da intrusioni, malware, trojan e da altri software malevoli che possono riuscire a prendere il controllo del nostro terminale o dei software che utilizziamo per connetterci a prezzi e quotazioni.

Il firewall è uno strumento di sbarramento che impedisce l’accesso ad un computer o ad uno smartphone ma, rappresentando una delle forme maggiormente evolute di antivirus potrebbe risultare più complesso da configurare con un setup specifico; tuttavia, i server dei broker come quelli degli exchange sono equipaggiati di infrastrutture sofisticate che garantiscono impermeabilità ed efficace protezione di tutti i clienti.

Inoltre, le comunicazioni del trader con gli exchange e con gli intermediari sono criptate, il che significa che quanto viene comunicato tramite un servizio clienti, tutto lo storico della nostra operatività e i saldi archiviati da una piattaforma di scambio fiat/cripto, vengono incapsulati da una serie di algoritmi e possono essere letti solo dall’azienda mediatrice grazie ad un apposito programma di decodifica.

Questi accorgimenti però possono risultare totalmente inutili se si decide di operare da un internet cafè e per farlo scriviamo password e codici vari su foglietti che poi magari dimentichiamo al bar, attaccati sul monitor.

Un atteggiamento serio e professionale dell’operatore privato di Borsa implica invece un comportamento ragionevole, necessario ad evitare che le protezioni offerte dall’intermediario e la tecnologia oggi a nostra disposizione vengano completamente invalidate.

Per cui, sebbene la Rete ci consente di fare trading da ogni angolo del mondo, è bene farlo solo e sempre con i propri device e, se si decide di conservare credenziali di banche, broker o exchange nel pc, è essenziale che queste vengano cifrate, utilizzando un codice personale che non sia noto a nessuno, anche se un grado di sicurezza in più lo si può ottenere mettendo all’interno di comode chiavette usb i file criptati che immagazzinano i codici dispositivi.

Serietà professionale in gran parte significa quanto appena descritto e, vuol dire pure, abituarsi a controllare le mail che riceviamo, se queste contengono richieste anomale di password, di dati sensibili, di rimborsi, di vincite a concorsi ai quali non si è partecipato, aggiornando sistematicamente l’antivirus che deve essere di buona qualità, e soprattutto non fornire mai a nessuno direttamente o indirettamente i propri riferimenti finanziari.      

Di Vincenzo Augello