UpHold semplifica il prelievo dei token incassati con Brave browser

Lettura 2 minuti


Lo staff di Brave browser prova a rivoluzionare il mondo della pubblicità online basandosi sulla eliminazione degli intermediari nella relazione editore – utente – inserzionista, nel pieno rispetto dell’etica blockchain. Da mesi oramai Brave consente agli utenti di ritirare i tokens guadagnati e scambiarli in moneta ordinaria. Teniamo comunque presente, come i più esperti già sanno, che tokens e criptovalute sono legittime e perfettamente legali, quello che manca ancora è un’adeguata regolamentazione giuridica. Per poter prelevare i fondi incassati tramite il browser è necessario registrarsi all’exchange UpHold. Fondata nel 2013 la banca statunitense consente un accesso fidato al denaro digitale e ai servizi finanziari di cambio, in modo semplice e sicuro, tramite pc e smartphone.

La Dashboard di Eurobit.space

Per registrarsi all’exchange, trattandosi di servizi finanziari, è necessaria ovviamente la verifica dell’identità; si tratta di un processo abbastanza rapido che occupa al massimo qualche giorno. Unica pecca, se proprio vogliamo trovare un difetto alla società americana, sta nel fatto che il sito web per l’home banking  non supporta ancora la lingua italiana ed è tuttora in inglese. Dopo la creazione del proprio account si può disporre dei fondi e gestirli in piena autonomia. Brave, sebbene sia collegato alla banca, non entra in alcun modo ai dati di registrazione che sono amministrati nel pieno rispetto della privacy dall’exchange USA. Il rapporto tra clienti e UpHold non penalizza il sistema di rewards degli utenti; i guadagni infatti rimangono ancorati alla visualizzazione delle pubblicità del network, anche se UpHold permette di acquistare direttamente sulla propria piattaforma tokens e criptovalute e cambiarli in denaro tradizionale mediante una qualunque carta di credito/debito. (Di Vincenzo Augello)   

Download Brave browser