Yassine Elmandjra: la market cap di Bitcoin sarà di un trilione di dollari

Lettura 3 minuti


Il 2020 fino a questo momento è stato un anno a dir poco folle per Bitcoin. Ha iniziato l’anno a 7.000 dollari ed è sceso sui 3.800 dollari a metà marzo, poi  è risalito fino a 12.000 dollari ad agosto, una giostra vertiginosa dei prezzi.

BTC potrebbe avere una market cap di 1($) trilione

A dirlo è Yassine Elmandjra, analista del settore delle criptovalute presso ARK Invest. Prima di lei, diversi portali statunitensi hanno riferito l’idea che Bitcoin avrebbe offerto un finale solido di stagione, specialmente negli ultimi 3 mesi del 2020, e che il quarto trimestre del 2020 sarebbe stato particolarmente favorevole per la criptovaluta più capitalizzata al mondo. Tra le voci che si rincorrono c’è anche quella di chi sostiene che BTC raggiungerà i 150 mila dollari entro la fine del prossimo anno. Se ne dicono tante insomma, ma poca roba rispetto a quanto dichiarato dall’ ex investitore Tesla.

Finora Bitcoin è riuscito a rimanere sul territorio a cinque cifre per più di 60 giorni. L’asset ha varcato la soglia dei 12.400 dollari a fine agosto, ma poi è sceso di oltre 2.000, dove grossomodo tuttora resta. Tuttavia, secondo Yassine Elmandjra, che ora dirige la Ark Invest, è probabile che la regina delle cripto replicherà una forte impennata del suo prezzo, che in meno di dieci anni sarà in grado di produrre una market cap del valore di 1 trilione di dollari.

In una recente intervista, ha specificato:

Bitcoin offre uno dei profili di rischio-rendimento più convincenti tra gli asset in base alle nostre  analisi. Dovrebbe passare da circa 200 miliardi di dollari oggi a 1-5 trilioni di dollari di capitalizzazione nei prossimi cinque o dieci anni

Ark Invest si è fatta un nome soprattutto per quanto ha fatto con il titolo Tesla, in una fase storica di mercato in cui la maggior parte delle aziende è crollata. Tesla è una delle poche società che ha reso agli investitori profitti incredibili, con le azioni che hanno aumentato il loro prezzo di dieci volte, quando la pandemia da Coronavirus devastava l’intero Pianeta.

Peraltro, si vocifera che tra Bitcoin e le azioni Tesla vi sia una correlazione diretta, il che potrebbe spiegare il motivo per cui BTC è riuscito a saltare l’ostacolo dei 7.000 dollari. Dunque pare che finché Tesla continuerà a far bene, Bitcoin farà altrettanto.

Elmandjra ha di fatto ribadito:

Le nostre analisi suggeriscono che Bitcoin è all’inizio del suo percorso di monetizzazione, con un sostanziale potenziale di apprezzamento. A nostro avviso, la capitalizzazione di mercato miliardaria di Bitcoin salirà fino al trilione di dollari nel corso del prossimo decennio

Se da un lato il tutto è assolutamente auspicabile, dall’altro Elmandjra ha anche messo in guardia sui rischi futuri conseguenti. Il pericolo deriverebbe anzitutto dalla mancanza di regolamentazione che continua a marcare una pesante lacuna normativa, e dal possesso in eccesso di grandi quantità di BTC da parte dei conti whale. Tra l’altro l’analista avverte sulla possibilità che le istituzioni standard si impadroniscano del mondo cripto acquistando volumi importanti di moneta immateriale.

Di Vincenzo Augello